Mancata segnalazione chiusura contratto. Possibili supplenze perse

Dania – Gentilissima Lalla, innanzitutto vorrei ringraziarla per la sua utilissima rubrica, grazie alla quale ho imparato a conoscere in parte un mondo complesso e articolato e ad affrontare più agevolmente le questioni relative alle supplenze e alle graduatorie d’istituto. Purtroppo in questi giorni ho scoperto che la segreteria della scuola in cui ho lavorato dal 25/10 al 26/11 del 2011 (con contratto di 6 ore sett. fino all’avente diritto come docente di alternativa alla religione) per errore non ha chiuso il contratto sul sistema Sidi (credo sia questo il suo nome) e pertanto dal 26 novembre 2011 al 18 gennaio 2012 (giorno in cui ho avvisato la segreteria del loro errore) risultavo in servizio, quando invece ero a casa ad aspettare chiamate per eventuali supplenze.

Chiaramente è probabile che, in questo arco di tempo, nel caso in cui una delle 20 scuole del mio modello b avesse dovuto nominare, scorrendo le graduatorie, mi abbia saltata per poi convocare docenti che risultavano liberi. Ho provato a chiamare alcune delle scuole da me scelte. Le impiegate mi hanno ascoltata e mi hanno dato consigli, ma quando si è trattato di andare a verificare se presso di loro sia attualmente sotto contratto un docente che mi segue in graduatoria, sono state evasive e mi hanno risposto di stare tranquilla che ormai sul sistema risulto disponibile.

Inoltre alcune segretarie mi hanno detto che non hanno l’abitudine di spezzare le 18 ore settimanali per permettere il completamento e per questo motivo l’eventuale supplenza sarebbe spettata comunque al primo collega privo di contratto dopo me. (Ma loro non potevano certo immaginare che anch’io fossi disponibile) Fortunatamente, contattata da una scuola che, al contrario, permette il completamento, ho scoperto questo, secondo me, grave errore. E ora? come devo comportarmi per le eventuali supplenze perse? Per non parlare del punteggio che verrà assegnato a qualcuno che poi potrebbe scavalcarmi nelle prossime graduatorie. E se per caso in quell’arco di tempo io abbia perso una supplenza lunga, magari fino a giugno? Che so, su una maternità? Forse si tratterà di briciole, ma mi sento davvero danneggiata. Grazie per la cortese attenzione.

Lalla – gent.ma Dania, la tua e mail è lo spunto per inoltrare agli assistenti amministrativi che leggono la rubrica la preghiera di fare molta attenzione, dato che una distrazione potrebbe pregiudicare la carriera lavorativa di un docente.

Innanzitutto non è accettabile che non ti si dica quali docenti sono stati nominati in questo periodo (fanne specifica richiesta scritta al Dirigente Scolastico), anche perchè i contratti dovrebbero essere affissi all’albo (i tagli operati al personale delle segreterie hanno eliminato questo passaggio?) se non addirittura pubblicati (omessi i dati sensibili) sul sito della scuola. Non sarà certo l’atteggiamento di chiusura da parte delle segeterie a farti desistere, se qualche errore c’è stato in questo periodo è giusto che chi lo ha commesso se ne assuma le responsabilità.

Inconcepibile anche la risposta "che non hanno l’abitudine di spezzare le 18 ore settimanali per permettere il completamento". Il diritto al completamento non è "un’abitudine" di una segreteria di una scuola piuttosto che di un’altra, è contemplata dall’art. 4 del regolamento delle supplenze e va rispettato fino a quando è possibile, non negato a priori.

Ti invito pertanto ad agire anche tramite un legale per avere accesso agli atti che ti permettono di visionare quanto accaduto in questo lasso di tempo.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads