Come abolire i TFA?

Monia – Carissima Lalla, ho appena letto un articolo molto interessante sul vostro sito riguardante l’abilitazione all’insegnamento per la scuola primaria. E volevo chiederti se c’è possibilità di far abolire questi TFA che sono solo una perdita di tempo, costosa e stressante per tutti e se, chi come me ha il diploma di socio-psico-pedagogico prima del 2001 potrà farsi riconoscere l’abilitazione.<!–more–

Io mi sono diplomata al socio-psico-pedagogico nel 1999 e fino a Luglio di quest’anno (quando ho fatto l’immissione in graduatoria) ho sempre pensato che fossi abilitata. Mi ricordo che oltre allo studio di tutte le materie propedeutiche all’insegnamento feci anche 250 ore di tirocinio nelle scuole e quindi l’idea di fare un TFA a numero chiuso proprio non mi va giù, anche perché dovrei concorrere con laureati e neolaureati in scienze della
formazione e quindi sarebbe molto difficile superare la prova.

A me va bene che chi ha la laurea abbia un maggiore punteggio, ci mancherebbe, ma trovo scorretto la divisione in fasce. Se si ha il titolo di accesso, si è anche abilitati secondo me, visto che sosteniamo un esame
di Stato apposito. Questo per me dovrebbe valere anche per l’insegnamento nelle scuole secondarie, basterebbe semplicemente organizzare il piano di studi della laurea con esami di didattica e materie correlate, in modo tale che dopo la laurea ci si possa mettere in graduatoria direttamente. Io ho una laurea in filosofia e mi ricordo che dovetti adeguare il piano di studi per insegnare (esami di pedagogia, psicologia etc.) e fu il motivo per cui ai tempi mi rifiutai di fare la SISS…mi sentivo più che preparata e non vedevo l’esigenza folle di ulteriori specializzazioni per insegnare che non fanno altro che esaurire mentalmente ed economicamente le persone al posto di prepararle.

Praticamente si sta inflazionando il valore del titolo di studio…e questo è gravissimo. Inoltre questo TFA non se lo potranno permettere tutti essendo impegnativo sotto tutti i punti di vista… e quindi come funziona, mandiamo avanti chi è ricco di famiglia…?

Queste fasce sono assurde, il voto e i giorni di servizio sono le due discriminanti sensate e più che sufficienti.

Io penso che chi come me si è diplomato entro il 2001 deve essere considerato abilitato e non solo possessore del titolo di accesso perchè quando ci siamo iscritte alle magistrali era ciò che ci veniva proposto e garantito.

La Gelmini ha praticamente insultato tutta la scuola italiana con queste nuove modalità di selezione. Se i sindacati facessero valere i nostri diritti al posto di organizzare i corsi di preparazione a questi inutili TFA sarebbe meglio. Io dico no ai TFA e si ai concorsi ogni 3 anni. Grazie

Lalla – gent.ma Monia, non condivido buona parte di quello che hai scritto (ti sei rifiutata di fare la Ssis, ma questo ha comportato che tu sia ancora alla ricerca di una abilitazione, anzi del modo di non conseguire un’abilitazione) ma ho pubblicato la tua e mail perchè è un punto di vista e come tale lo rispetto.

Posted on by nella categoria Diventare insegnanti
Versione stampabile
ads ads