Suddivisione dei posti tra mobilità interprovinciale e mobilità professionale

Gentile Lalla, ho presentato la domanda di trasferimento interprovinciale. Ti chiedo: se dopo le prime due fasi, rimangono 3 catterre in organico di diritto, come vengono ripartiti questi posti tra passaggi di ruolo/cattedra e trasferimenti interprovinciali? Grazie per una tua eventuale risposta.

Lalla – La mobilità viene effettuata secondo questi criteri

50% ai trasferimenti nell’ambito del comune e tra comuni della stessa provincia

50% alla mobilità professionale ed interprovinciale. Ciascuna operazione è effettuata sulla metà del 50% delle disponibilità destinate alla mobilità territoriale provinciale e residuate dopo tale mobilità, fatti salvi gli accantonamenti per eventuali sovrannumerari.

Gli eventuali posti inutilizzati vanno alla mobilità territoriale interprovinciale

I trasferimenti interprovinciali rimasti inutilizzati devono essere destinati per le immissioni in ruolo

Non è disponibile per la III fase il posto dispari, eccetto i casi in cui siano presenti nella provincia domande di mobilità professionale di docenti soprannumerari abilitati e già utilizzati nel corrente anno scolastico sul posto o classe di concorso richiesto, e che tra le preferenze sia compreso il codice sintetico della provincia di titolarità.

I movimenti: I, II e III fase

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads