Quale corso dovranno seguire i docenti in esubero per l’a.s. 2012/13?

Marisa – Sono un insegnante della scuola secondaria di primo grado ormai di ruolo da parecchi anni, dal 1984, classe di concorso A30, ho dato un concorso riservato per la scuola secondaria di primo grado e uno ordinario per la scuola secondaria di secondo grado.

Tre anni fa ho perso la mia titolarietà e sono stata trasferita d’ufficio in un’altra scuola media. Per non perdere la mia scuola, l’ambiente, i colleghi, ho scelto di fare il sostegno ma non ho la specializzazione. Così, tutte le estati faccio domanda, e poi vado a scegliere in Provveditorato, anche se la nomina è d’ufficio.

La mia domanda è la seguente: cosa dovrei fare per prendere la specializzazione per il sostegno? alcuni anni fa c’erano le siss, adesso non ci sono più,cosa posso fare? Per gli insegnanti che sono già di ruolo c’è qualche canale

preferenziale? I nuovi corsi di abilitazione,tfa,prevedono qualche cosa anche per quelli che come me sono già di ruolo? Vi ringrazio anticipatamente e porgo i più cordiali saluti

Lalla – gent.ma Marisa, premetto che il tuo utilizzo su sostegno in questi anni mi lascia perplessa, in quanto la normativa (contratto sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie) afferma che l’utilizzo sul sostegno in mancanza della relativa specializzazione di sostegno è possibile solo dopo l’impiego di tutti i docenti con specializzazione, compresi i docenti precari.

Il CCNI su utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, art. 12 “L’impiego su posti di sostegno è subordinato alla mancanza di docenti specializzati, sia con ordinanza a tempo indeterminato, sia aspiranti a supplenze. Analogamente l’impiego su classi di concorso affine di docente non abilitato è subordinato al completo utilizzo dei docenti in esubero in ambito provinciale per la classe di concorso richiesta”

Molti Ambiti Territoriali, soprattutto negli ultimi due anni, hanno applicato male la normativa, come denunciato dal Sindacato nazionale Insegnanti di sostegno. Da qui la mia perplessità, soprattutto perchè mi accenni ad una scelta della quale non fanno parte i docenti precari. Naturalmente a parte il dubbio, non ho altri elementi per giudicare.

Veniamo al presente: per far fronte anche a situazioni del genere il Ministero ha emanato il decreto ministeriale n.7 del 16 aprile 2012, destinato proprio all’organizzazione di corsi di riconversione sul sostegno per docenti in esubero o appartenenti a classi di concorso in esubero.

L’adesione ai corsi è volontaria, ma data la situazione critica in cui versano alcune classi di concorso, dubito ci saranno docenti che non aderiranno. La mancata adesione infatti potrebbe portare alla ricollocazione in altri ambiti della pubblica ammnistrazione e in ultima istanza al licenziamento (articolo 33 del decreto legislativo 30 marzo 2010, n. 165)

Posted on by nella categoria Riforme
Versione stampabile
ads ads