Test TFA: c’è differenza tra risposta non data e risposta non corretta?

Massimiliano – Gent.ma redazione ho svolto il TFA della 51 e senza saperlo ho risposto a tute le 60 domande, però oggi mi hanno spietato che quelle di cui non ero sicuro dovevo lasciarle intatte. Dalle risposte sul CINECA credo di averne sbagliate sui 16 quiz. Datemi una spiegazione entro il 25 luglio grazie

Lalla – gent.mo Massimiliano, nel test "La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la risposta non data o errata vale 0 punti" [dm n. 73 del 24 aprile 2012 art. 3 comma 4] pertanto meglio dare una risposta (anche se non si è sicuri), piuttosto che non darla, altrimenti si sa già che per quella domanda la valutazione è 0.

Poichè "Possono accedere alla prova scritta i candidati che abbiano conseguito una votazione non inferiore a 21/30 nel test preliminare", se hai sbagliato 16 domande, le altre 44 sono corrette, e quindi il tuo risultato finale dovrebbe essere di 22/30, sufficiente per accedere alla prova scritta.

Posted on by nella categoria Diventare insegnanti
Versione stampabile
ads ads