Coincidenza tra esami recupero debiti e convocazioni supplenze

Dario – Salve. Scrivo per denunciare la solite difficoltà che si riscontrano nella scuola italiana per tutti i precari come me che insegnano su più scuole e che attendono nello stesso periodo le nomine a t.d..Come ogni anno ci ritroviamo a fine agosto sommersi da tanti impegni che spesso si sovrappongono: esami di recupero del debito, consigli di classe per la ratifica finale e convocazioni delle nomine a t.d..
Tutti questi impegni nello stesso periodo e, solo se si è fortunatissimi, si riesce ad incastrare le date e gli orari tra le diverse scuole.

Ma a qualcosa si dovrà rinunciare, perché certamente i Provveditorati non scelgono le date in funzione degli impegni delle diverse scuole a fine agosto!

Quanto fa male, però, sapere che hai deluso qualche preside per la tua assenza e/o qualche alunno che si ritroverà un altro docente che non conosce a valutarlo! Quanto fa male sapere che avresti potuto lavorare qualche altro giorno anche solo per una manciata di euro in più ma non hai potuto!

Propongo a Codesta organizzazione di suggerire al MIUR di cambiare la norma facendo spostare obbligatoriamente tutte le date degli esami/scrutini ai primi giorni di settembre e, cmq, prima dell’inizio delle lezioni, esattamente come si faceva ai miei tempi (rinvio a settembre)! Rimane comunque il problema dei componenti del CdC? Nessun problema: si risparmia anche. I colleghi assunti altrove, cerranno chiamati nella scuola precedente per gli esami e gli scrutini percependo solo una diaria o anche senza alcuna remunerazione aggiuntiva. Altresì, verrebbero coadiuvati dal niovo docente della stessa classe per la stessa materia cosicché il nuovo docente riuscirà anche a conoscere il tipo di alunno e le sue carenze pregresse. Una sorta di passaggio di testimone…

Lalla – gent.mo Dario, ciò che proponi non è realizzabile per vari motivi. Innanzitutto ci sono già moltissime istituzioni scolastiche in cui gli impegni connessi al recupero debiti sono effettivamente calendarizzati per la prima settimana di settembre, altre invece hanno svolto l’adempimento a fine luglio, quindi si andrebbe ad intervenire su una situazione differenziata.

Inoltre, la collocazione di tale adempimento nella prima settimana di settembre non risolverebbe certo la situazione, in quanto da un’analisi delle convocazioni svolte negli ultimi anni, è possibile notare che sono pochissimi gli Uffici Scolastici che riescono ad assegnare le supplenze entro il 31 agosto, al contrario le prime settimane di settembre sono decisive da questo punto di vista.

Dal tuo discorso intuisco che tu sia in una provincia in cui tutte le scuole fissano gli adempimenti per il recupero debiti a fine agosto e l’Ufficio provinciale dispone le nomine entro il 31 agosto. Ti auguro che la coincidenza possa essere minima, e di riuscire a conciliare tutto.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads