Non è un disagio avere la supplenza a settembre, anzi…

Marco – Salve,Vi scrivo in merito all’articolo " E’ prassi assegnare le supplenze annuali a settembre. I danni per il supplente e disagi per gli Uffici Scolastici. Sono un precario da 12 anni sulla classe di concorso A019 in provincia di Varese, dove ormai la maggior parte dei posti disponibili sono sull’organico di fatto e "si liberano"sempre a settembre inoltrato,poiche derivano in gran parte da assegnazioni ed utilizzi operati da Ambiti Territoriali molto grossi, tipo napoli, con enorme mole di lavoro. Ritengo che non ci sia poi questo gran danno per noi docenti precari dall’essere (se lo saremo) nominati dopo il 31 agosto e ciò per 2 motivi:
1) quasi tutti sono "coperti" dalla disoccupazione ordinaria che comunque aiuta anche se non raggiunge l’ammontare dello stipendio
2) occorrerebbe che lenomine venissero fatte una sola volta con tutti,dico tutti i posti disponibili cosi da dare la possibilità ai docenti che occupano le posizioni migliori discegliere i posti migliori(sono graduatorie di merito..),mentre oggi cosi non accade poichè le nomine avvengono più volte e chi ha preso cattedre disagiate non può poi lasciarle se esce una cattedra migliore

Lalla – gent.mo Marco, abbiamo due diversi punti di vista. Io preferisco lavorare piuttosto che avere un sussidio di disoccupazione, sempre e comunque. Sul problema delle numerose convocazioni concordo, infatti si suggerisce alle organizzazioni sindacali di contrattare affinchè tutte le operazioni comincino prima per finire entro il 31 agosto. E che dire della necessità di avere collegi dei docenti completi già dalle prime sedute di settembre? Mi sembra ci siano molti aspetti da non sottovalutare, ma ti auguro comunque un buon prosieguo delle vacanze 🙂

E’ prassi assegnare le supplenze annuali a settembre. I danni per il supplente e disagi per gli Uffici Scolastici

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads