Firenze non attribuisce i ruoli entro il 31 agosto

Valentina – Gentile Lalla, sono un’insegnante precaria della scuola secondaria di primo grado e sono in graduatoria in posizione utile per il ruolo; ad oggi non sappiamo quando si terranno le immissioni in ruolo previste per la provincia di Firenze, tutto tace sul sito dell’ufficio scolastico in merito alle immissioni in ruolo di ogni ordine e grado di scuola.

Ormai è evidente che l’ufficio scolastico provinciale di Firenze non riuscirà ad effettuare le immissioni in ruolo entro il 31 agosto e saremo convocati tutti a settembre; conserviamo, quindi, la decorrenza giuridica, ma inevitabilmente, andando oltre il 31-08, perdiamo la decorrenza economica del ruolo. Pertanto, se ci convocheranno il 10 settembre (per ipotesi), noi saremo immessi in ruolo, ma perderemo dieci giorni di stipendio, poiché il nostro contratto annuale scade il 31 agosto.

Mi domando se possiamo chiedere un contratto con valore retroattivo, con decorrenza economica all’ 1 settembre 2012, dal momento che ci riteniamo discriminati rispetto ai nostri colleghi toscani e italiani, che hanno firmato il contratto in questi giorni e dal
momento che non dipende da noi se l’ufficio è in difficoltà e non riesce a completare le operazioni in tempi utili.

Se la data che verrà indicata sul nostro contratto, come presumo, non sarà il primo settembre,cosa possiamo fare?Quali sono i nostri diritti? In attesa di una risposta, Le porgo i miei saluti. Grazie.

Lalla – gent.ma Valentina, purtroppo la situazione dell’Ufficio Scolastico di Firenze, si è rivelata la peggiore in assoluto. Mentre in altre province alla fine si è cercato di trovare una situazione più o meno ragionevole, assicurando comunque ai docenti la nomina entro il 31 agosto (salvaguardando quindi un loro diritto sancito dall’art. 9, comma 19, della legge 12 luglio 2011, n. 106 )

Immissioni in ruolo 2012/13, la corsa contro il tempo genera pasticci per l’assegnazione delle sedi di servizio

La normativa non dice che si possa verificare questa situazione, quindi è difficile dirti come poter fare valere il vostro diritto (credo che nello specifico sia necessario consultare un avvocato). Credo invece sia necessario coinvolgere le organizzazioni sindacali sul fatto che comunque dovete essere destinatari dell’incarico a tempo determinato, dato il pasticcio combinato (che si inventino una regola ad hoc, ma certo non si può essere disoccupati per questa situazione).

Posted on by nella categoria Immissioni in ruolo
Versione stampabile
ads ads