Come gestire il passaggio dalle supplenze fino ad avente diritto a quelle dalle nuove graduatorie?

Serena – Salve, pongo una problematica molto contorta ma che riguarda molti di noi che in questi giorni stanno rispondendo alle convocazioni dalle scuole in attesa che i provveditorati si decidano a terminare (o iniziare) le loro operazioni. Le scuole stanno convocando fino a nomina avente diritto in attesa che il provveditorato dia il via libera alle nomine nel caso in cui le graduatorie ad esaurimento siano esaurite….fin qui ci siamo! Questo accade tutti gli anni in cui c’è un aggiornamento della graduatoria.

Quest’anno non ci sono reali aggiornamenti per cui, secondo la mia fonte, le segreterie sono pronte, dopo il via libera del provveditorato, a riconfermare il docente nominato fino avente diritto senza convocare nuovamente tutti coloro che si trovano nelle graduatorie d’istituto e che, in teoria, potrebbero anche precedere chi ha accettato alla prima convocazione. Spero di essere stata chiara nell’esporre il problema e spero che questo non sia vero!

In tal caso io mi sarei incastrata in una situazione assurda perché ho accettato una supplenza con dicitura fino a nomina avente diritto ma, in realtà già accettata da chi mi precedeva e che si trovava già in maternità, quindi quando le cose si normalizzeranno altri
passerebbero dalla dicitura "fino a nomina avente diritto" alla nomina fino al 31 agosto o 30 giugno, io mi ritroverei a supplire una maternità…..

Se così fosse mi sentirei ingannata e cercherei di uscirne per vie legali perchè nessuno ci avrebbe avvisati di come stanno realmente le cose….Non do per certo ciò che dico perchè non mi è stato riferito da un funzionario del provveditorato (e anche in quel caso….) ma chiedo che sia fatta chiarezza e spingo tutti ad informarsi su come stanno realmente le cose e di lottare nel caso in cui si venga beffati in questo modo!

Lalla – gent.ma Serena, da quello che mi racconti credo ci sia stato un fraintendimento da parte tua delle parole della fonte. La realtà è che non essendoci quest’anno un aggiornamento dei titoli, le nuove graduatorie di istituto avranno una composizione molto simile alle precedenti (tranne per effetto di possibile dimensionamento, al quale si sta lavorando in questi giorni), per cui le posizioni dovrebbero rimanere immutate. In tale prospettiva può dunque accadere che la convocazione riguarderà sempre le stesse persone e che queste riconfermeranno le scelte già effettuate. Quindi la riconvocazione in ogni caso deve esserci, ma gli spostamenti dovrebbero in effetti essere minimi, se la maggior parte dei docenti ha accettato supplenze che poi si trasformeranno in contratti al 30 giugno.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads