Frequenza TFA e maternità: come conciliare?

Sarah – Gentili Signori, sono una docente precaria di scuola media superiore. Ho appena visto che sono tra le vincitrici del tfa di spagnolo classe di concorso A446 a Venezia. Aspetto una bambina (sono al quinto mese) e lavoro 16 ore in due istituti superiori, entrambi in provincia di VR. Ho controllato il bando del tfa, ma purtroppo non menziona cosa deve fare un candidato nella mia situazione. Ho anche contattato l’università, ma non ho ancora ricevuto risposta, nè telefonica nè via mail. Non sono ancora entrata in maternità (probabilmente se continuo a sentirmi bene ci andrò a fine febbraio) e avrei bisogno di sapere come muovermi.

Ho diritto a ore di esonero dalle lezioni, sopratutto nel periodo di maternità?

Lalla – gent.ma Sarah, secondo quanto ci risulta le Università non hanno mai affrontato tale problematica. Problematica nuova rispetto alla Ssis, il precedente corso di formazione iniziale degli insegnanti, che era possibile congelare in caso di impedimento nella frequenza. Poichè per il TFA non è prevista la procedura di congelamento dell’iscrizione, ci chiediamo come si possa conciliare astensione obbligatoria e frequenza delle lezioni.

Qualora dovesse pervenire qualsiasi risposta dalle Università non mancheremo di pubblicarle su www.diventareinsegnanti.orizzontescuola.it

Al momento possiamo segnalarti solo la petizione che è stata avviata su questo argomento, anche se non ci sono molte adesioni (forse perchè il problema non è ancora molto sentito).

Posted on by nella categoria Diventare insegnanti
Versione stampabile
ads ads