Concorso: perchè alcuni candidati accederanno alle prove pur non essendo in possesso dei requisiti richiesti?

Marisa – Gentile Lalla, ti scrivo per esternare tutto il mio malcontento relativamente al concorso docente che verrà sostenuto nei prossimi giorni. Quando uscì il bando, lo lessi attentamente e capì subito che, ahimè, non potevo partecipare perchè non abilitata e laureata nel 2008. In questo modo me ne son fatta una ragione anche se a malincuore. Ieri, invece, parlando a scuola con i miei colleghi son venuta a sapere che hanno ‘provato’ ad iscriversi tutti anche coloro i quali erano nella mia situazione e che quindi adesso compaiono regolarmente negli elenchi pubblicati. A questo punto mi chiedo perchè non c’è stata nessuna nota ufficiale in cui si avvertiva che sarebbero rientrati tutti indistintamente nonostante che sul bando i requisiti fossero diversi?
Mi spieghi cosa è accaduto? Io ora purtroppo non parteciperò…Ma ti chiedo il prossimo concorso verrà bandito durante questo anno scolastico? O per quest’ anno ci sarà solo questo in corso?

Lalla – gent.ma Marisa, è accaduto che il Ministero controllerà i titoli di coloro che hanno presentato la domanda di partecipazione al concorso solo dopo la prova preselettiva, come indicato dal bando all’art. 2 comma 8 del bando

“8. I candidati sono ammessi al concorso con riserva di accertamento del possesso dei requisiti di ammissione dichiarati nella domanda , adempimento che l’Ufficio scolastico regionale competente espleterà solo dopo lo svolgimento della prova di preselezione di cui all’articolo 5, limitatamente ai candidati che l’hanno superata. In caso di carenza dei requisiti di ammissione, l’Ufficio scolastico regionale dispone l’esclusione immediata dei candidati, in qualsiasi momento della procedura concorsuale. ”

Pertanto, partecipare alla preselettiva di per sè vuol dire poco per chi non ha i requisiti previsti dal bando, perchè la verifica successiva porterà all’esclusione, a meno che nel frattempo i candall’aidati interessati non abbiano proposto ricorso e non siano ammessi con riserva alle prove.

Il Ministero non poteva certo emanare un comunicato dicendo: questi sono i requisiti, ma poi se vuoi puoi fare ricorso. O meglio, in fondo lo dice quando all’art. 17 del bando indica le modalità di ricorso.

Sull’esito finale dei ricorsi, oggi, nessuno può dire nulla. Pertanto chi partecipa alla preselettiva pur sapendo di non possedere i requisiti richiesti, lo fa consapevole di questo iter.

Per quanto riguarda la possibilità di un altro concorso, ne potremo parlare quando esisterà una normativa in merito. Il Ministro ha accennato ad una riforma delle regole, ma l’iter non ha ancora avuto avvio.

Posted on by nella categoria Concorso docenti
Versione stampabile
ads ads