Sovrannumerari al TFA a Napoli: impossibilità a cambiare ateneo per completare il percorso

Teresa -Buonasera, ed auguri per le feste trascorse e da venire. Vorrei avere un chiarimento circa la liceità del divieto che mi è stato posto per l’iscrizione al TFA per la classe 059 dell’Universtà degli Studi del Sannio. Poiché ho frequentato il primo anno di corso della SICSI a Napoli nel 2003-2004 pareva che mi spettasse la possibilità di iscrivermi in sovrannumero, ma a parte tutte le difficoltà a reperire persone in grado di darmi notizie in merito, alla fine pare che persone nella mia situazione provenienti da fuori regione abbiano i titoli per accedere al corso, mentre io sarei “colpevole” di aver frequentato il corso a Napoli e per una mai precisata normativa non ho diritto ad accedervi. Vi sarei grata se mi faceste sapere se tale comportamento risponde a criteri inappellabili di equità e rispetto delle norme. Grazie e cordiali saluti

Lalla – gent.ma, la risposta è contenuta nella lettera che ci hai fatto leggere “Il Tavolo dei Delegati dei Rettori campani per il TFA, nella seduta del 28 novembre c.a., ha stabilito che il percorso formativo deve essere completato presso lo stesso Ateneo dove è stata effettuata l’iscrizione alla SICSI“. Come sai l’Università gode di autonomia didattica e organizzativa (L. 168/1989) , per cui la delibera ha un valore stringente per i candidati dell’Ateneo.

Altre Università hanno deciso diversamente, per es. Macerata accetta corsisti provenienti da altri atenei. Poichè, a parte i requisiti, non esiste una normativa nazionale, trova spiegazione la delibera dell’Ateneo che hai scelto.

Posted on by nella categoria Diventare insegnanti
Versione stampabile
ads ads