Il supplente in infortunio sul lavoro può accettare una supplenza senza obbligo di prendere servizio

Luigi – sono un supplente attualmente in infortunio sul lavoro certificato dall’INAIL. Questo quello che è successo. Avevo una supplenza fino al 19 dicembre, il 18 mentre mi recavo a scuola ho avuto un incidente. Avviate tutte le pratiche per infortunio sul lavoro, sono stato dichiarato in infortunio fino al 12 gennaio, anche se la supplenza è terminata il 19 per rientro della titolare. Il mio dubbio è questo: se dal 7, come è probabile, le scuole ricominceranno a chiamare e io sono ancora in infortunio, come posso fare? potrò prendere servizio o dovrò per forza rifiutare?
Grazie.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Luigi,

Il tuo caso è normato dall’art. 20 del CCNL/2007 che ti riporto per intero:

“1. In caso di assenza dovuta ad infortunio sul lavoro, non si computa ai fini del limite massimo del diritto alla conservazione del posto il periodo di malattia necessario affinché il dipendente giunga a completa guarigione clinica. In tale periodo al dipendente spetta l’intera retribuzione di cui all’art. 17, comma 8, let. a).

2. Fuori dei casi previsti nel comma 1, se l’assenza è dovuta a malattia riconosciuta dipendente da causa di servizio, al lavoratore spetta l’intera retribuzione per tutto il periodo di conservazione del posto di cui all’art. 17, commi 1, 2 e 3.

3. Le disposizioni di cui al presente articolo sono dirette alla generalità del personale della scuola e pertanto si applicano anche ai dipendenti con contratto a tempo determinato, nei limiti di durata della nomina, e anche a valere su eventuale ulteriore nomina conferita in costanza delle patologie di cui sopra”.

Pertanto, i docenti a tempo determinato possono accettare nuove nomine e avere il riconoscimento giuridico ed economico della supplenza, se tali nomine sono conferite in costanza di patologia.

Ciò che rileva ai fini della possibilità di accettare la supplenza in costanza di patologia è che l’infortunio sia iniziato e quindi stato riconosciuto in una precedente supplenza e che perduri al momento della nuova nomina.

Nel tuo caso, quindi, cioè docente a cui è stato riconosciuto un infortunio in una precedente supplenza temporanea e che è ancora in periodo di malattia fino a completa guarigione clinica (il precedente contratto ha però avuto termine), si ha titolo ad accettare la proroga della supplenza o una nuova supplenza che, ai sensi dell’art. 20 sopra citato, avrà piena validità giuridica ed economica, fruendo delle disposizioni relative a chi è oggetto di infortunio, cioè anche all’intera retribuzione fino a completa guarigione clinica (ovviamente nei limiti di durata della nomina).

Dal 19 dicembre al 12 gennaio potrai pertanto accettare eventuali nuove nomine senza la necessità di effettuare la presa di servizio formale la quale avverrà alla fine del periodo di guarigione, se in tale data sarai ovviamente ancora sotto contratto.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads