Docenti in servizio in più scuole: la partecipazione agli scrutini ha priorità rispetto alle altre attività

Cesare – Buon giorno, volevo porgerLe  cortesemente un quesito che interessa me ed alcuni miei colleghi: essendo impegnati su più scuole ed essendoci lezioni anche al pomeriggio, quando alcuni istituti hanno fissato gli scrutini, la precedenza va data alla didattica, quindi alla lezione oppure alla riunione di scrutinio, in parole povere se una scuola ha fissato gli scrutini quando alcuni docenti hanno lezione in altra scuola, devono rivedere il calendario delle riunioni? La ringrazio anticipatamente.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Cesare,

il parere è che la partecipazione del docente allo scrutinio intermedio o finale abbia la priorità su tutte le altre attività, compresa quella di insegnamento.

Fermo restando, ovviamente, che non sia possibile in nessun modo rimandare  la data dello scrutinio in modo da non farla coincidere con quella di insegnamento.

Nell’elaborazione del calendario degli impegni collegiali, infatti, bisognerebbe evitare sovrapposizioni delle attività degli organi collegiali per i docenti di cui già si sa ad inizio anno che saranno impegnati in più scuole.

Ma ciò non sempre è possibile, e quindi bisognerà dare una priorità agli impegni quando questi coincidono.

Nel caso esposto lo scrutinio ha sempre priorità.

Giova infatti ricordare che il consiglio di classe riunito per lo scrutinio, intermedio e finale, è un organo collegiale giudicante perfetto che esige la presenza di tutti i suoi componenti per la validità delle deliberazioni da assumere.

Deve quindi operare con la partecipazione di tutti i suoi componenti (senza inoltre dimenticare che lo scrutinio è un atto dovuto da parte del docente).

In questo caso quindi lo scrutinio (e solo questo) prevarrà sulla lezione.

La questione è sta già affrontata in home page in questo articolo.

Posted on by nella categoria Didattica
Versione stampabile
ads ads