Computo del sabato e della domenica e certificati di malattia con diagnosi diverse

Docente – Salve ho bisogno si informazioni riguardo la certificazione di malattia. In poche parole ho chiesto un giorno di malattia venerdì, ho comunicato a scuola il numero del certificato ed è finita lì. Ho dovuto richiamare il medico anche lunedì mattina, altro certificato ed altra chiamata a scuola. La scuola mi ha comunicato che d’ufficio mi addebita in busta paga anche il fine settimana quindi anche il sabato e la domenica (la mia scuola è a tempo pieno e c’è scuola dal lun al ven);secondo loro, siccome non ho ripreso il servizio allora c’è continuità della malattia. Mi era già successo in un’altra scuola, ma consultata la normativa avevano riconosciuto l’errore in quanto la mia malattia potrebbe essere collegata a due diverse situazioni; due certificati, due chiamate.  Vi chiedo appunto la normativa di riferimento così che possa utilizzarla anche in questa occasione.

Paolo Pizzo – Gentilissima docente,

il Tesoro – Ragioneria Generale dello Stato con nota n. 101446 del 17/07/1997
ha precisato che i giorni di sabato e domenica sono da ricomprendere e computare senza soluzione di continuità in un unico periodo di assenza per malattia.

La nota prot. 108127 del 15/6/1999 ha ribadito che i giorni festivi interposti senza soluzione di continuità tra due periodi di malattia giustificati da due separati certificati che non lo contemplino sono comunque da considerare assenza per malattia e si cumulino con i periodi inclusi nei certificati stessi.

La nota prot. n. 126427 del 16 gennaio 2009, con un parere richiesto dal Dipartimento della Funzione Pubblica sull’art.71 del D.L. 112/2008, chiarisce che “…con riferimento all’individuazione della retribuzione giornaliera il relativo computo va effettuato in trentesimi dal momento che, secondo il consolidato orientamento in materia di servizio, le giornate di sabato e domenica intercorrenti tra due periodi di assenza malattia vengono anch’esse considerate assenze per malattia e assoggettate alla decurtazione del trattamento economico accessorio”.

Nel 2004 sempre il Tesoro ha precisato che i giorni non lavorativi fra due periodi di malattia certificati con diagnosi diverse devono essere considerati alla stregua di giorni di assenza per malattia . In questo caso la posizione di stato giuridica di malattia è unica e comprende anche i giorni non lavorativi.

In questo articolo abbiamo affrontato l’argomento.

Posted on by nella categoria Assenze
Versione stampabile
ads ads