Concorso: ho svolto la prova scritta ma non ho il titolo di accesso per partecipare

Antonio – Ciao Lalla volevo rivolgerti una domanda che mi assilla da ieri, non appena ho finito di effettuare la prova scritta del concorso docenti per la classe A033. Non appena ho finito di consegnare la prova,svolta in Sicilia, che è andata molto bene devo dire, il preposto alla vigilanza mi ha chiesto quale laurea io avessi, vedendo la mia giovane età di 28 anni, ed io gli ho detto di avere il diploma di geometra.

la sua reazione è stata quella di guardarmi sbigottito, e questo ha destato in me molto sospetto. Non appena di rientro a casa, dopo 400 km affrontati per fare la prova, mi accorgo che per quella classe di concorso io non
potevo partecipare, perchè richieste solo vari tipi di lauree, mentre potevo solo partecipare per la classe C430; la mia domanda è questa, cosa succede ora? se supero questa prova come posso proseguire avanti? avrei la possibilità, facendo ricorso al fatto che nella presentazione della domanda, inserendo il titolo di geometra mi è uscita quella classe di concorso, posso proseguire spostandomi nella C430? inutile spiegarti il mio stato d’animo adesso, dopo mesi di studio. Attendo una tua possibile risposta e/o soluzione in merito.Grazie

Lalla – gent.mo Antonio, io non sono un legale per cui non posso consigliarti nulla circa un eventuale ricorso. Dal mio punto di vista (per quello che possa valere) avallare una tesi del genere equivarebbe a dire che anche chi ha una laurea in Lettere avebbe potuto partecipare per la classe di concorso A033.

Nella domanda presentata infatti la schermata iniziale riportava

"La compilazione del presente modulo di domanda avviene secondo le disposizioni previste dal D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445,
“TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA”.
In particolare:
I dati riportati dall’ aspirante assumono il valore di dichiarazioni sostitutive di certificazione rese ai sensi dell’articolo 46; vigono, al riguardo, le disposizioni di cui all’articolo 76 che prevedono conseguenze di carattere amministrativo e penale per I’aspirante che rilasci dichiarazioni non corrispondenti a verità.
– Ai sensi dell’articolo 39 la sottoscrizione del modulo di domanda non è soggetta ad autenticazione.
– Durante il periodo di validità delle graduatorie di cui alla presente procedura di reclutamento, in occasione del conseguimento, da parte dell’aspirante,
del primo rapporto di lavoro a tempo determinato, i competenti uffici dell’amministrazione scolastica dispongono gli adeguati controlli sulle dichiarazioni rese dall’aspirante secondo quanto previsto dagli articoli 71 e 72.
– I dati richiesti nel modulo di domanda sono acquisiti ai sensi dell’art. 16 in quanto strettamente funzionali all’espletamento della presente procedura di reclutamento e assumono il carattere di riservatezza previsto dal decreto legislativo del 30/06/2003, n. 196."

Pertanto la responsabilità della dichiarazione del titolo è carico del candidato. Per di più il bando DDG n. 82 del 24 settembre 2012 all’art- 2 comma 8 afferma " I candidati sono ammessi al concorso con riserva di accertamento del possesso dei requisiti di ammissione dichiarati nella domanda, adempimento che l’Ufficio scolastico regionale competente espleterà solo dopo lo svolgimento della prova di preselezione di cui all’articolo 5, limitatamente ai candidati che l’hanno superata. In caso di carenza dei requisiti di ammissione, l’Ufficio scolastico regionale dispone l’esclusione immediata dei candidati, in qualsiasi momento della procedura concorsuale. "

Al momento solo Lombardia e Umbria hanno effettuato il controllo del titolo di accesso, per questo è stato possibile per te svolgere le prove.

Posted on by nella categoria Concorso docenti
Versione stampabile
ads ads