Supplenze: è il CCNL/2007 e non il Dirigente a stabilire se al supplente spetti il pagamento delle vacanze di Pasqua

Simona – sono una supplente temporanea della classe A059, e sto attualmente svolgendo una supplenza fino al 28 marzo, ultimo giorno prima delle vacanze di Pasqua. Ho già saputo che dopo le vacanze la supplenza continuerà, ma , nonostante ciò, perderò i 5 giorni di vacanze sia dal punto di vista economico che, soprattutto, da quello del servizio. Ma, visto che la supplenza continua, le vacanze non dovrebbero essere comprese? Il mio preside parlava di ridurre il più possibile i costi per la scuola, ma non mi toccherebbero di diritto? Cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Simona,

giova intanto ricordare che non è il Dirigente a decidere se pagarti o no le vacanze ma lo decide una precisa norma contrattuale, quindi in questo il DS non ha alcun potere discrezionale.

La norma di riferimento è l’art. 40/3 del CCNL.

Nel caso come esposto nel quesito, le vacanze non ti potranno essere pagate se il titolare non copre l’intero periodo delle stesse con un’assenza tipica, anche se diversa da quella prodotta fino al 28.

Puoi leggere i casi in questa FAQ:

Supplenza e pagamento delle vacanze di Pasqua: i casi di proroga o solo di conferma del contratto.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads