Graduatorie di istituto: la scuola polo non mi ha inserito in una classe di concorso

Salvatore – Cara Lalla, desidero gentilmente chiedere una cosa molto importante, almeno per sapere a chi devo rivolgermi.Sono un insegnante di matematica e fisica inserito nelle graduatorie di III fascia d’istituto Ho saputo, per puro caso facendo un corso di recupero, che la scuola polo, per errore suo, non mi ha inserito in una classe di concorso per la quale risulta io abbia fatto regolarmente richiesta. La scuola polo ha ammesso il suo errore e sta cercando di fare una rettifica con il MIUR.

Ma sta di fatto che io per due anni sono stato escluso dalle graduatorie perché non presente per un errore non mio. Ti chiedo, cosa posso fare? Tra parentesi la mia classe di concorso è molto richiesta e probabilmente sarei stato chiamato. ti chiedo gentilmente che strumenti posso usare per far fronte a tale ingiustizia, grazie.

Lalla – gent.mo Salvatore, non sono un legale, per cui posso solo fornirti la mia interpretazione. La circostanza secondo la quale saresti stato probabilmente chiamato sarebbe da stabilire, ma non sarà possibile farlo con esattezza scientifica, dal momento che non sai se nel momento in cui ti avesse chiamato una scuola tu fossi già impegnato, magari con supplenza breve, in un’altra (molto più semplice da dimostrare se una scuola ha assegnato una supplenza annuale ad un candidato con punteggio minore).

Detto questo, io ritengo che la responsabilità vada spartita insieme alla scuola polo. Il Regolamento delle supplenze contempla infatti la procedura di pubblicazione delle graduatorie di istituto suddividendola in due fasi, così come individuate dall’art. 5 del regolamento delle supplenze (dm 131/07)

"Avverso le graduatorie di circolo e di istituto è ammesso reclamo alla scuola che ha provveduto alla valutazione della domanda entro il termine di 10 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria all’albo della scuola e la scuola deve pronunciarsi sul reclamo stesso nel termine di 15 giorni, decorso il quale la graduatoria diviene definitiva. La graduatoria diviene, altresì, definitiva a seguito della decisione sul reclamo. "

Pertanto ci sarà stata una data in cui la scuola avrà pubblicato la graduatoria provvisoria (di solito la data è unica per tutte le scuole della provincia), atteso i giorni necessari per i reclami (e in questo caso un errore materiale come questo si sarebbe immediatamente risolto) e poi pubblicato la graduatoria definitiva, con validità triennale (2011 – 2014).

Va quindi detto che all’errore della scuola si è sommato il fatto che tu non abbia controllato la pubblicazione della graduatoria. La scuola quindi fa bene a porre rimedio al proprio errore, ma non so fino a che punto possa caricarsi l’intera responsabilità e quale potrebbe essere la soluzione (a meno che, come detto, tu non riesca a dimostrare la perdita dell’assegnazione di una supplenza ben determinata).

Posted on by nella categoria Graduatorie di Istituto (docenti precari)
Versione stampabile
ads ads