Maternità: ancora sul congedo parentale al 100% fruito dopo i 3 anni del bambino

Imma – sono un’insegnante precaria con incarico annuale fino al 30 giugno nella Scuola Primaria. Poiché madre di due bimbi piccoli ho richiesto un mese di congedo parentale per mio figlio di 3 anni e mezzo. La scuola mi ha accordato il congedo ma mi ha riferito con una e-mail che tale periodo non sarà retribuito. Ho fatto presente anche quanto riportato sull’e_book “Maternità e paternità nella scuola: diritti e doveri” e il vostro articolo di qualche mese fa ma mi è stato detto che trattasi di ALIUT inter ALIAS FACTA, in quanto la sentenza espressa dalla Corte di Cassazione è riferita a caso specifico e che lo stralcio di sentenza inviato risulta incompleto e pertanto di dubbia  interpretazione. Mi spetta qualcosa o è come dicono loro?

Paolo Pizzo  – Gentilissima Emma,

purtroppo sulla questione c’è ancora il veto delle Ragionerie Provinciali che si sono sempre adeguate, dal 2007, e continuano a farlo, a ciò che ha indicato loro il Ministero.

In tempi non sospetti noi abbiamo affrontato l’argomento e ci siamo spesso ritornati.

Non solo nell’ e-book ma anche in questi articoli:

Congedo parentale: i primi 30 giorni dopo i 3 anni del bambino

Dobbiamo anche rilevare che non esiste solo l’ordinanza della Corte, ma anche una sentenza specifica per il comparto Scuola.

Invito quindi tutti i docenti e le scuole a leggerla, perché è un precedente importantissimo per tutto il comparto Scuola .

Sentenza di Sassari.

Detto questo, a mio modesto avviso la questione potrà essere risolta definitivamente solo in sede di nuovo tavolo contrattuale, fermo restando che sia il CCNL/2007 che l’ordinanza della Corte nonché la sentenza di Sassari sono chiarissime al riguardo. E se tu facessi ricorso avresti ottime possibilità di vittoria.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads