Malattia bambino: ribadiamo che i giorni non retribuiti sono computati nell’anzianità di servizio

Nicola – sono una docente con incarico da settembre 2012 fino al 30 giugno 2013. Ho una bimba di 11 mesi per la quale ho già usufruito dei sei mesi di congedo parentale, e oggi 2 maggio terminano i 30 giorni di malattia del bambino di cui ho usufruito. Adesso la bimba continua ad avere problemi con l’alimentazione ed ho letto che posso prendermi altri giorni di malattia del bambino anche se non retribuiti. Questa mattina ho contattato la segreteria della scuola, ma mi hanno detto che questo comporta l’interruzione dell’anzianità di sevizio. Cosa mi puoi dire in merito?

Paolo Pizzo – Gentilissimo Nicola,

ritorniamo sull’argomento chiedendo alla segreteria della tua scuola di leggere bene la normativa.

Il riferimento è infatti il Testo unico sulla maternità e paternità (Dlgs 151/2001).

L’art. 48 precisa che “I periodi di congedo per la malattia del figlio sono computati nell’anzianita’ di servizio“.

A conferma di ciò la tabella allegata al CCNI 2013/14 che riguarda sì i docenti già di ruolo ma che indirettamente riguarda anche il tuo caso, a proposito del conteggio degli anni di pre ruolo (supplenze prestate quindi dal personale a TD) afferma:

I periodi di congedo retribuiti e non retribuiti disciplinati dal Decreto Legislativo 26.3.2001 n. 151 (Capo III – Congedo di maternità, Capo IV – Congedo di paternità, Capo V – Congedo parentale, Capo VII – Congedi per la malattia del figlio) devono essere computati nell’anzianità di servizio a tutti gli effetti”.

I periodi di congedo “retribuiti e non retribuiti…”.

Giova ricordare che il CCNL del Comparto scuola all’art. 12/5 deroga in melius il T.U. citato garantendo al dipendente una retribuzione del 100% per i primi 30 gg. di malattia, per ogni anno del bambino fino al compimento del terzo anno.

Al di fuori dei primi 30 gg. retribuiti al 100% gli altri giorni, illimitati fino al compimento del terzo anno del bambino (fermo restando sempre i primi 30 retribuiti al 100%), non sono retribuiti ma ti dovranno necessariamente essere computati nell’anzianità di servizio e di conseguenza ti saranno utili ai fini del punteggio per l’aggiornamento della Graduatoria ad Esaurimento/Istituto.

La normativa è chiarissima, peraltro richiamata anche dalla tabella del CCNI 2013/14 per la parte riguardante il servizio pre ruolo.

Posted on by nella categoria Assenze
Versione stampabile
ads ads