Obblighi dei docenti: recupero delle ore non svolte a causa dell’orario ridotto nelle prime settimane di scuola

ads

Giuseppina – Gentile esperto La prego di sciogliere questo quesito: ad inizio anno nella mia scuola primaria abbiamo effettuato un orario ridotto deciso nel Collegio Docenti e ci sono rimaste da recuperare 6 ore. La mia Dirigente ha preteso che le recuperassimo all’interno di tutto l’anno scolastico e quindi io, pertanto, durante alcune mie ore buca ( ben 3 a settimana), sono stata obbligata ” a sorpresa” a recuperare le ore a svantaggio di qualche impegno anche importante che io avrei potuto aver preso la mattina Allora mi chiedo: le ore erano da recuperare? E nell’arco di quanto tempo io dovevo stare a disposizione del mio Dirigente? Può la mia giornata essere condizionata per obbligo da un ordine di servizio peraltro nemmeno firmato e motivato dal DS?

Paolo Pizzo – Gentilissima Giuseppina,

ad inizio anno siamo intervenuti sulla questione e abbiamo affermato quanto segue:

Il docente che nelle prime settimane di scuola non effettua l’orario intero deve poi recuperare quelle ore nel corso dell’anno scolastico?

Il CCNL/2007, all’art. 28 comma 5, indica che “Nell’ambito del calendario scolastico delle lezioni definito a livello regionale, l’attività di insegnamento si svolge in 25 ore settimanali nella scuola dell’infanzia, in 22 ore settimanali nella scuola elementare e in 18 ore settimanali nelle scuole e istituti d’istruzione secondaria ed artistica, distribuite in non meno di cinque giornate settimanali. Alle 22 ore settimanali di insegnamento stabilite per gli insegnanti elementari, vanno aggiunte 2 ore da dedicare, anche in modo flessibile e su base plurisettimanale, alla programmazione didattica da attuarsi in incontri collegiali dei docenti interessati, in tempi non coincidenti con l’orario delle lezioni.”

Durante la prima (o le prime) settimana di lezione la scuola può funzionare ad un orario ridotto (es. 4 ore al giorno) rispetto al normale orario settimanale scolastico annuale. La scelta dell’orario “ridotto” può essere deciso dal Consiglio di Istituto.

Stante all’orario settimanale stabilito dall’art. 28 di cui sopra, i docenti sono comunque tenuti a svolgere l’attività di insegnamento ad orario “completo” fin dal primo giorno di scuola.

Il dirigente scolastico è quindi tenuto ad organizzare il servizio della prima settimana (o comunque per il tempo in cui vige l’orario ridotto) in modo da far lavorare i docenti per tutto il loro orario settimanale previsto (es. 18 ore nella scuola secondaria).

Sono opportune alcune precisazioni.

Dal momento che non vi è possibilità di scambio tra attività di insegnamento e attività funzionali all’insegnamento, ai fini dell’eventuale recupero delle ore non svolte il docente non potrà essere utilizzato in ciò che non rientri nell’”attività d’insegnamento”, per non parlare di attività che sono al di fuori delle competenze del docente come la risistemazione della biblioteca o altre attività simili.

Ciò vuol dire che il docente, per la parte di orario rimanente a quello già effettuato, è tenuto ad effettuare eventuali supplenze o “interventi didattici ed educativi integrativi” di cui all’art. 28 già citato, e in ultimo rimanere a disposizione per eventuali supplenze.

Inoltre ricordiamo a dirigenti scolastici e RSU che il CCNL/2007 parla di “orario settimanale” del docente, non mensile o annuale.

Pertanto un eventuale recupero delle ore non prestate può avvenire solo in quella determinata settimana, non potendo quindi essere rimandato ad una o più settimane successive.

Se dunque nella prima settimana ad orario ridotto il docente non può recuperare le ore non svolte, rispetto all’orario “normale” di insegnamento settimanale, tale recupero si deve comunque ritenere risolto.

La causa non è infatti imputata direttamente al docente.

Stessa cosa dicasi per eventuali settimane successive, se permane l’orario ridotto.

Salvo ovviamente che la contrattazione d’istituto non preveda diversamente.

Il parere è comunque che il Dirigente non può decidere unilateralmente sulla questione.

ads