Concorso docenti e matrimonio: come conciliarli?

Nicoletta – Gentile redazione di Orizzonte Scuola, dopo 2 mesi dalla precedente mail che vi ho inviato eccomi di nuovo qui a scrivervi per avere quantomeno da voi qualche delucidazione circa questo allucinante concorso a cattedra. Mi sembra che era stato stabilito che ai primi di maggio al massimo avremmo avuto i risultati della seconda prova.

Considerando che già in altre regioni è da un bel pò che si è avuto modo di conoscere il risultato, mi domando perché ancora una volta le disparità debbano essere così palesi e come mai nessuno degli addetti ai lavori abbia mosso un dito per impedire che una situazione del genere si potesse verificare.

Inoltre molti candidati oltre ad aver avuto il risultato, sanno già quale sarà la data della loro prova orale, con notevole anticipo rispetto gli altri colleghi, che per loro sfortuna sono capitati in una commissione lenta o magari poco organizzata.

Per questo concorso ho dovuto cambiare la data del mio matrimonio per ben 2 volte, alla fine ho scelto un sabato di Giugno (pensando che almeno il sabato fosse ancora un giorno di riposo) e invece mi ritrovo a vedere che hanno considerato nel calendario degli orali pure il sabato…e allora perché non hanno aggiunto il sabato pure nelle prime due prove?

Vuoi vedere che ho spostato il mio viaggio di nozze a Ferragosto spendendo il doppio rispetto a Giugno e mi ritrovo gli orali per quella data?? Sono profondamente delusa e amareggiata da tutte le ingiustizie e leggerezze che questa "macchina imperfetta" ha fatto venir fuori…poi penso che siamo in Italia e tutto riacquista un senso…Grazie per l’attenzione

Lalla – gent.ma Nicoletta, condivido solo in parte le rimostranze. Come sottolineato nella prima mail, ancora una volta non hai indicato la regione di riferimento, per cui non è possibile indicarti se le commissioni hanno dato un calendario di massima per le correzioni.

Per quanto riguarda gli esiti, fortunamente molte commissioni hanno lavorato bene, nel rispetto dei 3 mesi previsti (che non sono tassativi, bensì un’indicazione per permettere di svolgere tutte le operazioni in tempo per le immissioni in ruolo). Altre hanno avuto dei problemi nella composizione e nella gestione dei lavori, ma questo non significa che non stiano svolgendo un buon lavoro (se un commissario ad es. si dimette, a subire il rallentamento è tutta la commissione, e non credo questo faccia piacere a chi sta lavorando).

Per quanto riguarda la scelta della data del matrimonio, già nella nota del 17 aprile il Ministero ha indicato che le commissioni, qualora necessario (e dai calendari già pubblicati ho visto che è avvenuto) debbano riunirsi anche di domenica (il riferimento è all’estrazione della prova per il colloquio), quindi il sabato è da considerare sicuramente un giorno lavorativo. Anzi, il Ministero ha suggerito che, una volta concluse le attività didattiche, se i commissari non sono impegnati negli Esami, possono incrementare la loro attività (scopo ultimo sempre quello di assicurare le immissioni in ruolo dal 1° settembre 2013).

Ti leggo i passi della nota del 17 aprile 2013

"Per fare in modo che la prova orale si concluda in tempo utile all’immissione in ruolo dei vincitori del concorso (1 settembre 2013), è necessario che le SS.LL., dopo la conclusione delle attività didattiche, definiscano il relativo calendario prevedendo la possibilità che le commissioni di esame operino anche in orario antimeridiano. Tale possibilità rimane, ovviamente, preclusa per le commissioni i cui componenti siano impegnati anche nei concomitanti esami di Stato conclusivi del secondo ciclo di istruzione"

"Con riguardo a quanto disposto dall’art. 10, comma 3, punto a), del DDG. n. 82 del 24 settembre 2012, secondo cui la traccia della lezione simulata deve essere estratta dal candidato 24 ore prima della data programmata per la prova orale, dati i tempi ristretti si invitano le SS.LL. a rendere possibile la suddetta estrazione nella giornata di domenica per consentire lo svolgimento degli esami anche di lunedì."

Quindi la commissione probabilmente sarà impegnata durante tutta la settimana (domenica compresa), di conseguenza anche i candidati potrebbero essere interessati nella giornata festiva (il sabato è un giorno lavorativo, come per la scuola).

Il mio consiglio è, qualora dovessi superare le prove scritte, ed essere convocata il giorno del matrimonio, di chiedere alla commissione di poter differire o anticipare di un giorno la data dell’esame (seppure non specificatamente previsto, io ritengo che per casi eccezionali documentati la commissione possa avallare una richiesta del genere).

Quanto al viaggio di nozze, qualora la data della prova orale dovesse essere così lontana, sono sicura che riuscirai a trovare una soluzione (io sono dell’idea che la previsione dell’immissione in ruolo sia superiore ad eventi che possono essere rimandati (ed anche goduti meglio in periodi più sereni).

Posted on by nella categoria Concorso docenti
Versione stampabile
ads ads