Il caso del docente che insegna nella classe in cui è presente il nipote

Giovanna – nella mia classe è presente tra gli alunni il nipote di una collega, docente della medesima classe. Ritengo che la situazione sia quanto meno anomala e chiedo chiarimenti legislativi in materia.

Paolo Pizzo – Gentilissima Giovanna,

non esiste nessuna normativa che contempli il caso. E’ quindi anche possibile che il docente non solo abbia in classe il nipote ma anche il proprio figlio come allievo.

La questione, quindi, potrebbe essere risolta solo con l’assegnazione dei docenti alle classi ad inizio anno e se c’è ovviamente la possibilità di evitare che il docente insegni nella classe in cui è presente il proprio parente. Pensiamo ad esempio al docente di francese, di inglese, di religione, di ed. musicale ecc. che è l’unico docente di quella disciplina e che insegna in tutte le classi.

Il caso è invece contemplato per gli Esami di Stato del II grado.

L’art. 13/4 dell’O.M. 3/2013, con riferimento agli adempimenti della riunione preliminare prescrive:

Tutti i commissari debbono dichiarare per iscritto l’assenza di rapporti di parentela e di affinità entro il quarto grado, ovvero di rapporti di coniugio con i candidati che essi dovranno esaminare”.

Dopo aver previsto la sostituzione dei commissari incompatibili in riferimento alle situazioni di parentela e affinità sopra riportate, l’O.M. aggiunge: “Non si procede alla sostituzione del commissario interno legato da vincoli di parentela con un alunno o alunni, nel caso in cui il competente consiglio di classe non abbia ritenuto motivatamente di designare altri docenti della classe”.

Posted on by nella categoria Esami di stato, Didattica
Versione stampabile
ads ads