Supplenze dopo il 31/12: anche i posti assegnati a seguito di una sentenza sono “supplenze temporanee”

Scuola – alla nostra scuola sono state assegnate 10 ore sost. psico in deroga per esecuzione sentenza del TAR. Che tipo di contratto bisogna inserire a SIDI? N19 o N11?Nel caso di N19 risulta convalidato e non da trasmettere come un contratto N01, non dovrebbe essere pagato dal MEF?

Paolo Pizzo – Gentile Scuola,

tutti i posti resosi disponibili dopo il 31/12 devono essere trattati come “supplenza temporanea”, indipendentemente dalla causa che ha determinato la nomina del supplente.

È ciò che prescrive l’art. 7 del D.M. 131/07 che parla di copertura di supplenze in sostituzione di personale temporaneamente assente e per la copertura di posti disponibili, per qualsiasi causa, dopo il 31/12 di ciascun anno.

Nel caso di specie, quindi, a parere di chi scrive anche il posto di sostegno assegnato a seguito di una sentenza del TAR rientra tra le “supplenze temporanee” da assegnare fino alle effettive esigenze di servizio.  Questo perché la disponibilità di tali ore si è determinata dopo il 31/12.

Il contratto dovrà essere trattato come una qualsiasi supplenza assegnata però su posto resosi disponibile dopo il 31/12 (es. aspettativa tutto l’anno, decesso ecc.) e pertanto conferita direttamente fino al termine delle lezioni. Il pagamento è a carico del MEF come ormai, dal 1 gennaio 2013, lo sono tutte le supplenze brevi/temporanee.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads