Malattia: il caso del dipendente che si reca dal medico dopo aver terminato tutto l’orario di servizio

DSGA – Un assistente amministrativo finita la giornata di lavoro si è recato dal proprio medico e ha presentato stamattina un certificato di 3 giorni. Ho letto  la risposta di Paolo Pizzo in merito al dipendente che si accusa un malore  durante l’orario di servizio. Volevo sapere se il caso si applica anche  all’assistente amministrativo che ha terminato il servizio. Grazie.

Paolo Pizzo –Gentilissimo DSGA,

il caso a mio avviso è diverso.

Abbiamo sempre sostenuto (e continuiamo a sostenere) che in assenza di una specifica norma per il comparto Scuola, nel caso un dipendente accusi un malore durante l’orario di servizio (quindi non ha ancora terminato i propri obblighi nei confronti dell’Amministrazione) debba applicarsi ciò che si applica al comparto Ministeri (art. 6 comma 7 quinquies CCNL integrativo del 16 maggio 2001):

  • Se la certificazione medica ha decorrenza dal giorno successivo a quello della PARZIALE prestazione lavorativa, la giornata non sarà considerata assenza per malattia.

Il dipendente, ai fini del completamento dell’orario, recupererà le ore non lavorate concordandone i tempi e le modalità con il DSGA (se ATA) o con il Dirigente (se docente).

  • Se il certificato medico coincide con la giornata della PARZIALE prestazione lavorativa, la stessa sarà considerata assenza per malattia e il dipendente potrà utilizzare le ore lavorate come riposo compensativo di pari entità, concordandone i tempi e le modalità con il DSGA (se ATA). Il docente concorderà tale recupero con il Dirigente (le modalità potrebbero essere anche oggetto di contrattazione d’istituto).

A parere di scrive non è invece possibile considerare il dipendente in malattia il giorno in cui lo stesso ha già terminato gli obblighi di lavoro nei confronti dell’Amministrazione.

Nel caso di cui al quesito, quindi, la data di emissione del certificato e la prognosi avranno decorrenza lo stesso giorno (sentenza della Cassazione n.1290 del 6.2.1988), ma la scuola considererà l’assenza del dipendente per malattia dal giorno effettivo di assenza dal servizio.

Posted on by nella categoria Assenze
Versione stampabile
ads ads