Concorso, tanti sacrifici per essere assunti in altra provincia con vincolo di permanenza di 5 anni

Laura – gentilissima Lalla, vorrei sapere cosa succederà dopo gli orali del concorso infanzia lombardia. Immagino verrà stilata una graduatoria (tra quelli che hanno preso almeno 28/40 anche all’orale). La graduatoria verrà fatta sulla base della media dei due voti, più il punteggio attribuito dai titoli in nostro possesso.

Lalla – esatto, la graduatoria sarà stilata tra coloro che supereranno la prova orale, con un punteggio in centesimi corrispondente alla somma dei punteggi ottenuti nelle prove del concoso e dei titoli.

Laura – I 96 posti verranno coperti, ma su base regionale. Quindi vuol dire che io che risiedo a Milano dovrò, eventualmente, trasferirmi a Sondrio? per 5 anni? grazie

Lalla – esatto, il concorso è su base regionale. Per infanzia in Lombardia sono stati messi a disposizione, per due anni scolastici (2013/14 e 2014/15) 96 posti (più le cattedre di sostegno). In base alla graduatoria, potrai scegliere la cattedra a te più favorevole, tra quelle rimaste, o comunque tra quelle disponibili.

Come hai ipotizzato, potrà capitare che la cattedra sia in una provincia diversa dalla tua. L ’art. 9 comma 21 della legge n. 106/11 prevede che il personale docente, assunto a tempo indeterminato dopo l’entrata in vigore della legge, nell’anno scolastico 2011/12 o successivi, non può partecipare ai trasferimenti per altra provincia per un quinquennio a far data dalla decorrenza giuridica della nomina in ruolo.

E’ escluso dall’applicazione della suddetta norma il personale docente ed educativo di cui all’art. 7, comma 1, punti I), III) e V) del contratto Mobilità

I) DISABILITA’ E GRAVI MOTIVI DI SALUTE

III) PERSONALE CON DISABILITA’ E PERSONALE CHE HA BISOGNO DI PARTICOLARI CURE CONTINUATIVE

V) ASSISTENZA AL CONIUGE, ED AL FIGLIO CON DISABILITA’, OVVERO ASSISTENZA DEL FIGLIO REFERENTE UNICO AL GENITORE CON DISABILITA’

Il divieto riguarda anche le assegnazioni provvisorie, con alcune eccezioni (coloro che beneficiano delle precedenze di cui al successivo art. 8 punti I, III, IV, VI e VII, ivi compreso il personale docente della provincia di Trento. Le lavoratrici madri o, in alternativa i lavoratori padri anche adottivi o affidatari, assunti con decorrenza giuridica 1° settembre 2011, che hanno figli di età superiore a tre anni e fino ad otto, pur non avendo diritto alla precedenza di cui al successivo art. 8, punto IV, lettera i), potranno presentare domanda di assegnazione provvisoria per un’ altra provincia.)

Posted on by nella categoria Concorso docenti
Versione stampabile
ads ads