Proroga per scrutini/esami: chi rientra nell’art. 37 non dovrà avere il contratto per singoli giorni ma continuativo

Paola – Sono supplente presso una scuola media, classe terza dal 9 gennaio 2013. Il contratto mi e’ stato prorogato di volta in volta fino al 12 giugno. La titolare e’ rientrata in servizio dopo il 30 aprile e sono stata confermata anche per gli scrutini finali e esame di terza media.  La segreteria mi ha fatto un contratto, sempre a tempo determinato, fino al 12 giugno. Mi hanno detto poi che mi faranno dei contratti giornalieri fino al 27 (ultimo giorno con la ratifica finale).  Non avrei diritto a un contratto fino al 30 giugno senza interruzione rientrando nell’art. 37? Piuttosto, come posso verificare se rientro nell’art. 37 oppure no? Posso chiederlo alla segreteria direttamente? Cosa mi consigliate di fare?

Paolo Pizzo – Gentilissima  Paola,

se la titolare è rientrata fisicamente a scuola  a disposizione dopo il 30 aprile e quindi non nelle classi tu rientri per forza nell’art. 37, altrimenti la titolare sarebbe rientrata nelle classi e tu non avresti avuto più nessuna proroga.

Attestato questo il tuo contratto non deve avere nessuna interruzione e dovrà quindi essere prorogato dal 13 al 27 giugno. Il contratto dev’essere unico.

Non può invece essere fino al 30 giugno, come sostieni, perché dal 28 al 30 la Commissione d’Esame non si riunisce più in quanto i lavori saranno terminati il 27.

Posted on by nella categoria Supplenze, Esami di stato
Versione stampabile
ads ads