Esami di Stato II grado: il contratto che spetta a un docente commissario interno con nomina fino al termine delle lezioni

Mariagrazia – sono una docente con contratto a tempo determinato fino al termine delle lezioni e nominata anche come commissario interno per la maturità. Per la ratifica degli scrutini finali c’è proroga del contratto? Dato, anche se precaria, sono membro interno c’è continuità di contratto o la scuola dovrebbe licenziarmi il giorno dello scrutinio della classe e riassumermi il primo giorno di riunione della commissione degli esami di stato? In attesa di un tuo riscontro porgo cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Mariagrazia,

il tuo caso è previsto dalla nota MIUR prot. 14187 del 11/07/2007:

Al personale con contratto di supplenza temporanea con servizio effettivamente svolto sino al termine delle lezioni, esclusivamente nel caso in cui sia nominato quale commissario interno nella medesima scuola, compete l’attribuzione di un nuovo contratto, per un numero di ore di insegnamento pari a quello del contratto precedente, con decorrenza dal giorno della seduta preliminare della commissione e termine nel giorno conclusivo della sessione d’esame; i relativi oneri della retribuzione contrattuale sono a carico dell’istituzione scolastica sede degli esami.”

Pertanto, il tuo contratto riprenderà dalla seduta preliminare fino al termine degli esami e ti dovrà pagare la scuola sede d’esami.

Posted on by nella categoria Supplenze, Esami di stato
Versione stampabile
ads ads