Negli stessi giorni esaminando al concorso docenti ed esaminatore agli Esami di Stato

Antonio – Tra i paradossi di questo concorso c’è anche il rischio di essere commissario d’esame di stato e candidato ammesso al colloquio per il concorso A033 Campania, i cui esiti delle prove pratiche sono stati pubblicati oggi mentre lunedì 17 ci saranno le riunioni preliminari per le commissioni d’esame di stato.

Molto probabilmente sarò impegnato nei due giorni come commissario interno di disegno e st. dell’arte proprio in quei giorni 8 e 9 luglio nei quali mi è stata fissato l’appuntamento per il sorteggio e il giorno successivo per il colloquio. Come posso risolvere il problema? Ci sono delle norme al riguardo?

Devo solo pregare i presidenti di commissione di maturità, che intanto sono due per due commissioni, affinché mi lascino libero in quei due giorni? E in che modo? Come mai la commissione della Campania non ha pensato anche a questa eventualità non impossibile da verificarsi? Vi prego di aiutarmi, grazie.

Lalla – gent.mo Antonio, Orizzonte Scuola ha già sollevato questo caso con l’articolo Esami di Stato II grado 2013. Coincidenza prove con concorso docenti, precari meditano la rinuncia alla nomina

l’appello è stato accolto dalla FLC CGIL

FLC CGIL accoglie appello di Orizzonte Scuola: garantire ai docenti partecipazione Esami di Stato e prove concorso a cattedra

Il Ministero però continua a fare orecchie da mercante. Pertanto ci si deve muovere personalmente, scrivendo all’USR di riferimento quali sono le problematiche. Nel nostro forum una collega, nella tua stessa situazione, ha ottenuto dall’USR Lombardia di potersi assentare per due giorni (probabilità non prevista in questo momento dalla normativa), per cui è necessario avere l’esonero direttamente dagli uffici USR.

Tu chiedi se la commissione avrebbe dovuto tenerne conto. Il problema parte a monte, dalla nota del 17 aprile 2013, in cui il Ministero ha pensato alla eventuale incompatibilità dei commissari, e non dei candidati

“Per fare in modo che la prova orale si concluda in tempo utile all’immissione in ruolo dei vincitori del concorso (1 settembre 2013), è necessario che le SS.LL., dopo la conclusione delle attività didattiche, definiscano il relativo calendario prevedendo la possibilità che le commissioni di esame operino anche in orario antimeridiano. Tale possibilità rimane, ovviamente, preclusa per le commissioni i cui componenti siano impegnati anche nei concomitanti esami di Stato conclusivi del secondo ciclo di istruzione”

Pertanto la commissione era tenuta a salvaguardare la coincidenza di impegni dei docenti esaminatori; per quanto riguarda i candidati, non conoscendo la situazione di ciascuno, avrebbe dovuto rimandare la prova al periodo successivo agli esami (considera che quest’anno la data massima di chiusura per gli esami è il 18 luglio)? Sarebbe venuta meno all’impegno di concludere le procedure entro agosto per garantire le immissioni in ruolo.

Il comportamento corretto a mio parere è che l’USR permetta al candidato o il cambio dei giorni in cui in svolgere la prova orale, o il permesso di assentarsi anche per due giorni dalle prove di esame.

Poichè conosci le date del colloquio già adesso, nella riunione di insediamento della commissione lunedì 17 giugno, fai comunque presente la situazione, magari sarà possibile sistemare i colloqui in modo che in quei giorni non ci siano impegni.

Posted on by nella categoria Concorso docenti
Versione stampabile
ads ads