Maternità: i diritti per la madre adottiva

Grazia – sono in “attesa” di un bimbo tramite adozione e uno tramite fecondazione assistita, effettuata all’estero, ora, il mio ginecologo è russo in quanto il tutto è seguito presso una clinica russa, io sono una docente precaria con nomine annuali, vorrei sapere se anche io ho il diritto al congedo parentale prima e dopo la nascita e come fare, non ho ginecologi  che mi seguono in Italia e avrei bisogno di sapere cosa fare, la nascita è prevista per ottobre,mentre le convocazioni, noto, non sono visibili all’orizzonte..come mi devo muovere? come fare? Sinceramente sono preoccupata- Confido molto nella tua risposta.

Paolo Pizzo – Gentilissima Grazia,

per ciò che riguarda l’adozione ti rimando alla lettura della  circolare INPS n. 16/2008 (che non ti riporto per intero per motivi di spazio) che riassume tutti i cambiamenti in materia avvenuti al T.U. 151/2001.

Per ciò che invece riguarda il parto e non quindi l’adozione, hai diritto ai 3 mesi di obbligatoria dopo la nascita dl bambino e al congedo parentale . Per quest’ultimo sono previsti i primi 30 gg. retribuiti al 100% e 5 mesi retribuiti al 30%.

Hai inoltre 30 gg. retribuiti di malattia del bambino per ogni anno dello stesso fino al compimento del terzo compleanno.

Ti invito a cercare nella rubrica altri casi riguardanti i congedi per maternità e i congedi parentali.

Tutti i tuoi diritti sono ovviamente rapportati al tuo lavoro a tempo determinato e quindi fruibili all’interno del periodo di nomina.

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads