Gli ultimi immessi in ruolo quest’anno hanno un punteggio più alto dei primi del prossimo anno, ma meno scelta di provincia e sedi

Buongiorno, sto seguendo fin dall’inizio il vostro sito per far chiarezza su questo concorso sempre più ingarbugliato, ora la questione che, ad esempio in Piemonte, convocano 9 persone sulle 20 del concorso, in questo modo l’ultimo dei candidati di quest’anno sarà costretto a prendersi la provincia scartata dai colleghi davanti a lui, mentre il candidato classificatosi decimo, quindi con un punteggio inferiore, potrà il prossimo anno scegliersi tranquillamente la provincia che vuole.

Riassumendo con questo metodo si avvantaggerebbero le persone arrivate a metà graduatoria rispetto a chi invece facendo meglio il concorso è arrivato poche posizioni davanti…sono allibito, bisognerà semplicemente accettare quest’ingiustizia? Cordiali Saluti, un concorsista amareggiato.

Lalla – gent.mo, questa è la regola, che non viene inventata oggi, e che vale sia per le graduatorie del concorso che per quelle delle graduatorie ad esaurimento (sinceramente non mi viene in mente una soluzione alternativa).

Considera che il vantaggio è un anno di ruolo in più (oggi può sembrare poca cosa, quando si tratterà di tirare le somme per aspirare alla pensione potrebbe fare la differenza), per cui io sono del partito "meglio il ruolo oggi", con tutti gli annessi che ciò comporta.

Posted on by nella categoria Immissioni in ruolo
Versione stampabile
ads ads