Immissione in ruolo: aspettativa per altra esperienza lavorativa contestuale all’immissione in ruolo

Gabriele  – vi scrivo per conto di mia moglie che alla tenera età di 46anni,  sarà immessa in ruolo a Milano  il 1 settembre ’13  dopo 23 anni dal concorso. In pratica lei lavora in Poste Italiane a Firenze da 16 anni e non riesce tecnicamente a dare le dimissioni per il 1 settembre, in quanto  gli uffici di risorse umane sono chiusi fino al 4 settembre, tanto meno ad organizzarsi per trovare un alloggio in una settimana scarsa (la notizia è arrivata Venerdì  23/82013 alle 16:30 per essere a Milano l’indomani).

Lei è già stata a Milano per accettare la cattedra e scegliere la scuola. In pratica abbiamo saputo che il 1 settembre dovrà firmare il contratto e non ci devono essere incompatibilità quindi dovrebbe essere licenziata da poste. Ora, posto che mia moglie deve un preavviso di 2 mesi e non è detto che le accettino le dimissioni subito,  c’è un modo per posticipare l’assunzione a scuola? Ho sentito parlare di un’aspettativa di 1 anno per motivi di lavoro (altra esperienza lavorativa) o un differimento della data di firma del contratto, ad esempio decorrenza 1 novembre 2013.  Senza considerare che le sue dimissioni da poste potrebbero significare il mio ingresso al suo posto togliendomi dal precariato. So che ha un colloquio con la preside venerdì 30 agosto ’13  I tempi sono strettissimi confido in una vostra gentile e celere risposta.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Gabriele,

l’assunzione in ruolo decorre dal 1 di settembre 2013.

Ci risulta che in molte regioni (dal resoconto che ci hanno fatto diversi colleghi lo scorso anno) sia possibile essere collocati in aspettativa per altra esperienza di lavoro contestualmente alla presa di servizio. In altre regioni o comunque in altre scuole ciò invece non è stato permesso, con la motivazione che la presa di servizio di un neo immesso in ruolo deve avvenire senza che ci sia alcuna incompatibilità la quale si verifica nel momento in cui il docente destinatario dell’incarico a tempo indeterminato ha un altro tipo di contratto in essere  incompatibile con quello del docente.

In ogni caso questo è il consiglio.

Il 30 tua moglie esporrà la situazione alla dirigente ed effettuerà la richiesta per l’aspettativa.

L’aspettativa per motivi di lavoro o per superare un periodo di prova è espressamente prevista dal CCNL del comparto Scuola che all’art. 18/3 recita:

Il dipendente è collocato in aspettativa, a domanda, per un anno scolastico senza assegni per realizzare, l’esperienza di una diversa attività lavorativa o per superare un periodo di prova”.

Precisiamo che l’attuale norma ha modificato in parte l’art. 18/3 rispetto al precedente CCNL (2003), omettendo le parole “nell’ambito di altro comparto della P.A.”.

Pertanto, la nuova norma offre al dipendente la possibilità di stipulare un altro contratto di lavoro presso altra amministrazione pubblica o ente pubblico diverse dalle Istituzioni Scolastiche o presso soggetti privati.

Il dipendente deve presentare richiesta scritta in carta semplice (di solito il modello è fornito dalla segreteria), indicando la data di decorrenza dalla quale intende fruire dell’aspettativa (nel caso di tua moglie 1 settembre 2013).

Nella richiesta il dipendente dovrà precisare ed attestare l’esperienza lavorativa per la quale chiede di essere collocato in aspettativa: se l’esperienza lavorativa è presso è un Ente pubblico, basterà un’autocertificazione a supporto della richiesta; se è un soggetto privato, bisognerà esibire una certificazione che attesti la nuova esperienza lavorativa.

La concessione dell’aspettativa non è discrezionale, in quanto la norma prevede testualmente che il dipendente, a domanda, è collocato in aspettativa, non lasciando, pertanto, alla scuola alcun margine di discrezionalità legato a esigenze di servizio.

Il Dirigente prende atto solo della richiesta del dipendente che deve contenere la specificazione dell’esperienza lavorativa che si intende intraprendere e per la quale si chiede l’assenza.

Tua moglie potrà quindi essere collocata in aspettativa dal 1 settembre 2013 fino al 31 agosto 2014. Tieni ovviamente presente che in questo anno dovrà prendere una decisione: o continuare a lavorare presso le poste o fare in modo di licenziarsi per tempo in modo da assumere definitivamente servizio nella scuola il 1 settembre 2014.

Nel caso decidesse di assumere servizio presso la Scuola, l’anno di prova sarà rimandato al prossimo anno scolastico.

Posted on by nella categoria Anno di prova neo immessi in ruolo, Immissioni in ruolo, Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads