Mobilità: chi assiste il genitore può superare il blocco dei 5 anni ma senza precedenza

Docente – scrivo perché ho un quesito da porle, sono un insegnante di scuola primaria passata di ruolo a settembre 2013. Sono figlia unica di due portatori di handicap grave, vorrei partecipare alla prossima mobilità nel 2014 con domanda di trasferimento e di assegnazione provvisoria per tornare a casa in calabria.Se il contratto sulla mobilità resterà come l’attuale anche io non usufruiro’della precedenza per il trasferimento? Sono l’unica a prendermi cura dei miei genitori ed entrambe hanno più di 65 anni. Inoltre vorrei sapere nel caso in cui il contratto resti invariato se dopo i cinque anni  di blocco potrò usufruire della precedenza oppure no. La ringrazio anticipatamente della sua attenzione.

Paolo Pizzo – Gentilissima docente,

L’art ART. 8  (ASSISTENZA AI FAMILIARI DISABILI) del CCNI 2013/14 afferma che

Il personale scolastico (parente, affine o affidatario) che intende assistere il familiare ai sensi dell’art. 33, commi 5 e 7, della legge n. 104/92, in qualità di referente unico, non è destinatario di una precedenza nell’ambito delle operazioni di mobilità; al fine di realizzare l’assistenza al familiare disabile, il personale interessato partecipa alle operazioni di utilizzazione e/o di assegnazione provvisoria, usufruendo della precedenza che sarà prevista dal CCNI sulla mobilità annuale.

Il MIUR, con nota 2218/2012 ha fornito chiarimenti sulla mobilità interprovinciale. Sì al trasferimento interprovinciale anche per il docente che assiste un genitore con grave disabilità, no alla precedenza.

Il personale che rientra nella categoria di cui all’art. 7, comma 1, punto V) del CCNI, ivi compreso quello che assiste un genitore con grave disabilità, può partecipare ai trasferimenti per altra provincia senza dover rispettare il vincolo quinquennale imposto dalla L. 106/11 (o anche il già esistente vincolo triennale imposto dalla L. 124/99), ma non può usufruire della precedenza sulle altre categorie di personale.

Pertanto, potrai richiedere trasferimento e così superare il blocco dei 5 anni ma senza avere una precedenza rispetto ad altri.

Puoi invece fruire della suddetta precedenza nelle operazioni di assegnazione provvisoria.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads