Spezzoni pari o inferiori alle 6 ore: assenza di criteri nell’attribuzione delle ore

Giorgia – Buon giorno, desidererei avere un chiarimento sul seguente quesito: Esiste uno spezzone di due ore di economia aziendale, restituito al dirigente scolastico dopo le nomine delle graduatorie a esaurimento e, in assenza di docenti con diritto di completamento di orario, verrà assegnato a un docente a tempo indeterminato. Più docenti della disciplina ne hanno fatto richiesta,alcuni per iscritto, altri verbalmente. In assenza di criteri di assegnazione stabiliti in sede di contrattazione di istituto, quale criterio può/deve essere utilizzato dal dirigente per procedere all’attribuzione di tali ore? Grazie per la vostra disponibilità.

Paolo Pizzo – Gentilissima Giorgia,

dopo le operazioni di nomina dalle graduatorie ad esaurimento da parte degli UST o delle scuole polo residuano spezzoni pari o inferiori a 6 ore, questi vanno restituiti ai dirigentiscolastici delle singole scuole in cui si verifica la disponibilità, che provvederanno ad attribuirlisecondo questo ordine:

1. Ai docenti con contratto a tempo determinato avente titolo al completamento dell’orario inservizio nella scuola medesima, forniti di specifica abilitazione per l’insegnamento di cuitrattasi;

2. Ai docenti con contratto a tempo indeterminato in servizio nella scuola medesima, forniti dispecifica abilitazione per l’insegnamento di cui trattasi;

3. Ai docenti con contratto a tempo determinato in servizio nella scuola medesima, forniti dispecifica abilitazione per l’insegnamento di cui trattasi.

4. Solo dopo aver esaurito la terza fase, qualora lo spezzone risulti ancora non assegnato, ildirigente scolastico ricorrerà alle graduatorie di istituto, scorrendole a partire dalla I fascia.

Tali ore sono retribuite dal Tesoro con un trattamento economico pari a 1/18 dello stipendiotabellare in godimento, compresa la tredicesima mensilità e l’I.I.S.

Se presenti in organico di diritto, le ore vanno retribuite al 31 agosto (ovviamente ciò non siapplica al supplente a tempo determinato con contratto al 30/6).

  • Per “docenti in servizio nella scuola” si devono intendere soltanto quelli dell’organico dellascuola stessa e non anche quelli appartenenti ad altro organico. La Sezione Civile del Tribunaledi Ravenna con Sentenza 16 aprile 2012 n. 211 ha respinto il ricorso di un docente cherichiedeva l’assegnazione di 4 ore aggiuntive della classe A058, poiché queste ore erano relativeal corso serale dell’istituto mentre il ricorrente insegnava presso l’istituto diurno.
  • Per docenti a tempo determinato “in servizio nella scuola medesima” si intendono quelli che per quell’anno scolastico costituiscono i docenti in servizio almeno fino al termine delle attività didattiche (30/6). È escluso quindi che tali ore possano essere assegnate ad un docente nominato per supplenza breve o temporanea, anche se “interno”.

Il requisito per essere destinatari di tali ore è il possesso dell’abilitazione, non l’essere inseriti in graduatoria (esaurimento/istituto).

Inoltre la norma non specifica che tali ore possano essere assegnate solo se riferite alla stessa classe di concorso insegnata.

Pertanto il diritto del docente ad accettare tali ore si esercita per tutte le classi di concorso per lequali lo stesso è fornito di specifica abilitazione, non per la relativa disciplina insegnata nella scuola in quel determinato anno scolastico.

Es. Docente a tempo determinato nominato nella scuola X per 12 ore su sostegno fino al 30/6 in AD00 in possesso di abilitazione A043 (Lettere scuola I grado).

Nella scuola sono presenti 6 ore di A043. Tali ore andranno assegnati a completamento al docente su sostegno in possesso di specifica abilitazione per A043 prima che ad un docente che insegna Lettere (A043) con 18 ore.

Lo stesso esempio vale per la scuola di II grado.

Richiamata tutta la procedura in materia sarebbe bene che la scuola stabilisse dei criteri di attriubuzione delle ore per casi come descritti nell quesito, altrimenti diventa molto difficile dimostrare di non aver fatto torto a qualcuno.

A mio avviso un primo criterio potrebbe essere quello di assegnare le ore al docente che sta insegnando la disciplina per cui esistono quelle ore a disposizione. Faccio un esempio:

  • se in un liceo sono rimaste delle ore per la A037 e la richiesta proviene da docenti della A037 ma anche della A036 che hanno titolo ad insegnare la A037, il Dirigente potrebbe stabilire che la priorità di assegnazione delle ore deve essere per i docenti della A037 perché lo spezzone è relativo a tale classe di concorso.

Un altro criterio, che potrebbe non scontentare nessuno, è quello di seguire la graduatoria interna di istituto ovvero stabilire chi è il primo docente in graduatoria di tutti quelli che hanno dato disponibilità.

Il mio consiglio è comunque quello di stabilire preventivamente dei criteri. In assenza io seguirei la graduatoria interna di istituto che mi pare il criterio più oggettivo.

In assenza di una normativa sul punto è il mio pensiero personale.

Posted on by nella categoria Supplenze, Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads