Supplenze: il primo rifiuto non comporta sanzioni

Rosa – Salve a tutti, volevo ringraziarvi per le risposte chiare e precise che date a tutti. Questa volta tocca a me sottoporvi una domanda.1) Sono laureata e abilitata in lingue sono inserita nella GI in prima fascia così come per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria .Oggi ho ricevuto una proposta di nomina annuale su uno spezzone di due ore, su lingua francese, dal momento che francese, purtroppo, sta scomparendo dalle scuole cosa succede se rifiuto la proposta? Posso avere dei problemi anche per le altre graduatorie. Grazie in anticipo P.s. C’è qualche escamotage da dare come risposta a qualche segreteria un po’ troppo esigente?

Lalla – gent.ma Rosa, parto dal presupposto che tu al momento della supplenza sia totalmente inoccupata. Il primo rifiuto da parte di una scuola per una determinata classe di concorso non comporta alcuna sanzione.

La sanzione scatta, limitatamente all’anno scolastico di riferimento, solo al secondo rifiuto, in quella stessa scuola e per lo stesso insegnamento. La sanzione consisterà nel collocamento in coda per il suddetto insegnamento.

Pertanto, al primo rifiuto (sia esso per una supplenza di due ore che per una di 18 ore) la segreteria deve solo inserire il dato a sistema; se si venisse a creare un’altra supplenza avresti il diritto di essere riconvocata. Solo al secondo rifiuto scatta infatti la sanzione.

La sanzione è chiaramente indicata all’art.

8 del Regolamento delle supplenze

[…] L’esito negativo di una proposta di assunzione a tempo determinato comporta i seguenti effetti relativamente a tutto l’anno scolastico in corso:

Supplenze conferite sulla base delle graduatorie di circolo e di istituto:

  1. la rinuncia ad una proposta contrattuale o alla sua proroga o conferma ripetuta per due volte nella medesima scuola comporta, esclusivamente per gli aspiranti totalmente inoccupati al momento dell’offerta di supplenza, la collocazione in coda alla relativa graduatoria di terza fascia;

Si consideri anche quanto riportato dal comma 4

"Le sanzioni di cui al comma 1 non si applicano o vengono revocate ove i previsti comportamenti sanzionabili siano dovuti a giustificati motivi suffragati da obiettiva documentazione da far pervenire alla scuola."

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads