Supplenze: posto resosi disponibile entro il 31/12 e supplente già in vigenza di contratto

Maria – sto sostituendo, nella scuola Primaria, una docente in malattia, per ora fino al 28 novembre, la titolare sta parecchio male. Se malauguratamente, dovesse venir meno, prima del 31 dicembre, io perderei la supplenza a causa del decesso della collega entro tale data? Sicura della tua attenzione, nel ringraziarti anticipatamente, porgo cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Maria,

gli incarichi su tutti i posti vacanti o di fatto disponibili entro la data del 31 dicembre e fino al termine dell’anno scolastico, sono conferiti dall’Ufficio Scolastico Territoriale (o scuola polo) utilizzando le graduatorie ad esaurimento di cui all’art. 2 del D.M. 131/2007.

Pertanto, nel caso un docente con contratto al 30/6-31/8 o già di ruolo causa decesso, aspettativa per motivi di famiglia, di lavoro, personali e di studio o congedo straordinario (o altro tipo di congedo) dovesse lasciare il posto vacante/disponibile per esempio dal 20 ottobre (entro il 28-29 novembre nel tuo caso) per tutto l’anno scolastico, per la copertura di tali posti si utilizzeranno le graduatorie ad esaurimento se appunto l’assenza è tale per tutto l’anno scolastico.

Solo esaurite tali graduatorie la supplenza andrà conferita dal dirigente scolastico attingendo alle graduatorie di istituto.

Se dunque sei in vigenza di contratto fino al 28 novembre (“supplenza temporanea”) e in questo lasso di tempo il posto si dovesse rendere vacante o disponibile entro il 31/12 per la cause sopra esposte (decesso, aspettativa per motivi di famiglia, di lavoro, personali e di studio o congedo straordinario ecc.), tale posto “ritornerà” di competenza dell’Ufficio Scolastico Territoriale che dovrà assegnare la supplenza utilizzando le graduatorie ad esaurimento e di conseguenza decadrai dalla supplenza.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads