Legge 104/92 e 3 gg. di permesso: non è ammessa l’alternatività tra più beneficiari

Maurizio – i permessi (3 gg al mese) per l’assistenza previsti dalla legge 104/92 devono essere sempre fruiti dalla medesima persona o possono essere fruiti da più persone, chiaramente non contemporaneamente, rispettando i vincoli di parentela/affinità e cumulativi dei 3 gg totali? In pratica: possiamo utilizzare i permessi sia io che mio fratello oppure mia moglie per assistere mia mamma?Paolo Pizzo – Gentilissimo Maurizio,

a seguito dell’entrata in vigore della legge 183/2010 in particolare art. 24 (vedi anche circolare 6 dicembre 2010, n. 13 del Dipartimento della funzione pubblica e circolare 45/2011 dell’INPS ) non è ammessa l’alternatività tra più beneficiari, in quanto i permessi possono essere accordati soltanto ad un unico lavoratore. La sola eccezione è prevista per i genitori di figli con disabilità grave ai quali è riconosciuta la possibilità di fruire dei permessi in argomento alternativamente, sempre nel limite dei tre giorni per persona disabile.

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads