Coordinatore di classe: invitiamo i dirigenti a non attribuire d’ufficio tale mansione

Marco – Quest’anno ho appreso in collegio docenti di essere coordinatore in una classe. Non avendo intenzione di svolgere quel ruolo (già oberato di molti altri impegni) ho risposto per iscritto sostenendo l’assenza della figura del coordinatore di classe tra le attività comprese nel CCNL, e il fatto che la funzione, in quanto delegata, diventa esecutiva solo dopo accettazione da parte del docente. Mi è stato risposto, a voce, che non potrei rifiutare la nomina per l’art. 2103 del C.C. “Mansioni del lavoratore” (nell’impresa). E’ davvero così? Penso di no ma non ne sono certo.

Paolo Pizzo – Gentilissimo

davvero singolare la risposta a “voce” del Dirigente che includeremo nella categoria “questa non l’avevamo ancora sentita”.

L’art. citato, con grande fantasia in relazione all’argomento in oggetto, recita: “Il prestatore di lavoro deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti alla categoria superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte, senza alcuna diminuzione della retribuzione. Nel caso di assegnazione a mansioni superiori il prestatore ha diritto al trattamento corrispondente all’attività svolta, e l’assegnazione stessa diviene definitiva, ove la medesima non abbia avuto luogo per sostituzione di lavoratore assente con diritto alla conservazione del posto, dopo un periodo fissato dai contratti collettivi, e comunque non superiore a tre mesi. Egli non può essere trasferito da una unità produttiva ad una altra se non per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive. Ogni patto contrario è nullo.”

Ora, dov’è l’analogia con il fatto che il docente dovrebbe accettare d’ufficio una mansione che non è di fatto prevista dall’ordinamento tra quelle per le quali è stato assunto, ricordando inoltre al Dirigente che la mansione di coordinare, se proprio la vogliamo dire tutta, rientra nelle sue di mansioni d’ufficio?

Pertanto, dal momento che nessuna norma di legge né il Contratto di Lavoro (CCNL/2007) fa rientrare nelle mansioni del docente quella di coordinare la classe, cosa che si può configurare solo come un’attività aggiuntiva che deve essere accettata (come ogni forma di delega proposta) e anche retribuita, puoi rifiutare tale incarico.

Il fatto che non ti abbia risposto per iscritto mi fa pensare che forse neanche il Dirigente crede a quello che ha detto. Me lo voglio augurare.

La nostra guida.

 

Posted on by nella categoria Didattica
Versione stampabile
ads ads