Malattia del bambino per i docenti a tempo determinato

Mara – ho da pochi giorni accettato un’ incarico di sostegno fino a febbraio in una scuola superiore di I grado  ( sostituzione per maternità) sono quindi supplente , volevo sapere se anche io posso usufruire della malattia figlio, visto che ho una bambina di 18 mesi.

Paolo Pizzo – Gentilissima Mara,

l’art. 12, comma 5 del CCNL/2007 prevede che successivamente al periodo congedo di maternità (già astensione obbligatoria) e sino al compimento del terzo anno di vita del bambino, nei casi previsti dall’art. 47, comma 1, del D. L.gs. n. 151/2001 [congedo per malattia del figlio], alle lavoratrici madri ed ai lavoratori padri sono riconosciuti trenta giorni per ciascun anno di età del bambino, computati complessivamente per entrambi i genitori, di assenza retribuita. Ciascun genitore, alternativamente, ha altresì diritto di astenersi dal lavoro, nel limite di cinque giorni lavorativi l’anno, per le malattie di ogni figlio di età compresa fra i tre e gli otto anni. Tali giorni non sono però retribuiti ma comunque riconosciuti nell’anzianità di servizio.

L’art. 19/4, disciplinando ferie, permessi ed assenze del personale a tempo determinato esplicita che “al personale di cui al presente articolo si applicano le norme relative ai congedi parentali come disciplinati dall’art. 12”.

Tale art. 12/1, recita che “al personale dipendente si applicano le vigenti disposizioni in materia di tutela della maternità contenute nel D. Lgs n. 151/2001”.

Dunque, la disposizione legislativa e la normativa contrattuale non operano alcun discrimine per quanto riguarda il tipo di rapporto di lavoro,  ma assicurano al lavoratore sia a tempo indeterminato che a tempo determinato (anche per supplenza breve), la possibilità di fruire dei benefici della disposizione in questione.

Puoi quindi fruire del congedo per malattia del bambino come indicato nell’art 12/5 all’interno del periodo coperto da nomina.

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads