Indicazioni su inidoneità temporanea e ferie non godute

red – Quesiti sull’inidoneità temporanea. Risponde Maria Teresa De Nardis (Conbs).

A) Vi chiedo cortesemente :

• Dove trovo il modulo di domanda o è semplicemente identico a quello che normalmente si fa per le utilizzazioni nel mese di luglio ?

R: Questo tipo di utilizzazione è diverso da quello che producono i docenti di ruolo per la semplice sede. Basta presentare una semplice domanda in carta bianca dove si dice:

"La sottoscritta (nome, sede di titolarità, residenza ecc.) essendo stata dichiarata dalla CMV di ….. inidonea temporanea all’insegnamento, chiede, a norma dell’art.514 D.L.vo 297 e del CCNI 2008, di essere utilizzata
– nella biblioteca dell’Istituto…. (si vuole essere utilizzati nella stessa scuola o si è già individuata un’altra scuola)
oppure
– in biblioteca (altro se si ha in mente altra destinazione) e indica prioritariamente le seguenti sedi:
 * …
 * …
 * …"

• Cosa comporta secondo i nuovi eventi: farò l’orario da docente o le 36 ore?

R: L’orario di lavoro sarà di 36 ore. Potrà essere articolato in 5 o 6 giorni la settimana, con entrata flessibile, rientri pomeridiani ecc.

• Quali saranno le mie mansioni?

Dal CCNI 2008, tuttora in vigore:

Art. 3
(Modalità e ambiti di utilizzazione del personale docente ed educativo)

1.         L’utilizzazione del personale docente ed educativo è disposta, di norma, nell’ambito dello stesso circolo o istituto di ex titolarità (o di titolarità in casi di utilizzo temporaneo).
Tra i compiti a cui può essere assegnato il personale docente ed educativo, tenuto conto di quanto previsto nella certificazione medico collegiale, delle richieste dell’interessato, in coerenza con il POF e con i criteri definiti in sede di contrattazione di scuola, si indicano, a titolo meramente esemplificativo, quelli relativi ad attività di supporto alle funzioni istituzionali della scuola, quali:
–           servizio di biblioteca e documentazione;
–           organizzazione di laboratori;
–           supporti didattici ed educativi;
–           supporto nell’utilizzo degli audiovisivi e delle nuove tecnologie informatiche;
–           attività relative al funzionamento degli organi collegiali, dei servizi amministrativi e ogni altra attività deliberata nell’ambito del progetto d’istituto.

• Quali saranno i miei doveri e i miei diritti?

R: Tutti i diritti e doveri comuni al corpo docente. Con l’inidoneità temporanea non si perde la titolarità di cattedra, quindi a tempo debito si può anche partecipare ai trasferimenti.

• Cosa significa collocamento in malattia d’ufficio ?

R: Che si è in malattia senza l’obbligo di certificato e di visita fiscale. I primi 30 giorni vengono computati nella somma triennale delle assenze. Qualora si superino 30 giorni "l’ulteriore periodo di assenza non è computato ai fini della determinazione del periodo massimo di assenza previsto ai commi 1 e 2 dell’art. 17 del CCNL 29 novembre 2007."

• E cosa si rischia col fare una domanda di utilizzazione: mi metterebbe a rischio nell’essere spostata da un’amministrazione all’altra in diversa sede, o in altri uffici che non siano scolastici ?

R: E’ possibile solo su domanda volontaria.

• Sono necessariamente costretta a farla ?

R: Si, più che altro per propria tutela, perché si rischia un procedimento d’ufficio, senza poter esprimere le proprie preferenze.

• Mi dovrei far seguire da un legale e se sì, vi chiedo cortesemente di potermi mettere in contatto con un esperto professionista (non appartenente ai sindacati) della mia città.

R: Se le cose filano lisce non è necessario. Se dovessero complicarsi, si.

B) Vi è un altro aspetto che riguarda le ferie non godute nell’anno precedente a causa del mio periodo di malattia continuativo :
• mi devono essere rimborsate o ne posso usufruire al posto del periodo di malattia che mi occorrerebbe ancora, visto che non sono ancora in grado di rientrare, o di utilizzarle per altri periodi di malattia che mi serviranno per ulteriori controlli ?

R: In caso di malattia che comporta l’inidoneità le ferie possono essere sia godute sia monetizzate.
Per ulteriori periodo di malattia o accertamenti valutare se la propria patologia non rientri fra quelle gravi che comportano lo scorporo dal computo delle assenze (previo riconoscimento ASL). [Art. 17 comma 9 CCNL 2007]

C) Poichè non esiste più la causa di servizio, quale possibilità mi rimane per rivendicare il nesso che ha determinato il periodo di malattia e la successiva inidoneità?

R: Al momento nessuna.

NB. Consigliamo di leggere:

Contratto Collettivo Nazionale Integrativo concernente i criteri di utilizzazione del personale dichiarato inidoneo alla sua funzione per motivi di salute

L’inidoneità all’insegnamento: l’iter burocratico per ottenerla

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads