Domanda di utilizzazione temporanea per inidoneità: cosa controllare prima di firmare il contratto

red – Risponde Maria Teresa De Nardis (Conbs).

D. Proprio oggi avevo già presentato la domanda di Utilizzazione temporanea con riferimento (senza aver visto la vostra risposta ) al D.P.R. 31 maggio 1974, n. 417 – Art. 113; spero che vada bene comunque…

R: Si, va bene comunque.

1. In particolare sulla lettera che mi dovrà pervenire dall’Usp: come sarà e su cosa dovrò prestare attenzione per la stipula del contratto finale?

R: Salvo procedura diversa, dall’USP dovrebbe pervenire soltanto la lettera di convocazione per la firma del contratto di utilizzazione.

Anche nella presentazione della domanda di Utilizzazione dove ho elencato le scuole che preferivo, decisamente non sò come potrei accorgermi di eventuali inesattezze. Perciò vi chiedo dove e su cosa dovrei stare allerta nel momento di stipula del contratto e quanti giorni di tempo ho per firmarlo?

R: Prima di firmare il contratto controllare:
– che non ci sia alcun riferimento al ruolo ATA
– se desideri essere utilizzata in biblioteca, che non ci sia scritto "compiti amministrativi", "segreteria" o simili.
– che sia indicata come sede di utilizzazione una delle scuole di tua preferenza.
Di solito la firma avviene subito; puoi comunque provare a prendere tempo. Specialmente se non conosci la sede di destinazione.

2. Purtroppo però il problema che continua a presentarsi, è proprio la mia salute per la quale mi necessiterebbe un ulteriore periodo di malattia, mentre mi ritrovo già alla decurtazione del 50% (così come mi è stato fatto il decreto già ad agosto dalla scuola precedente ma con nulla di fatto nei cedolini già emessi) dello stipendio a causa della sommatoria del computo di giorni negli ultimi 3 anni . Cosa posso fare per non rischiare ulteriormente e visto che non posso rivalermi per il periodo di malattia con la "causa di servizio" ( del mobbing non ne avevo parlato visto che ero quasi sicura della richiesta per causa di servizio), esiste forse la possibilità di rientrare per un giorno a scuola, interrompere il computo e riassentarmi richiedendo al dirigente la "malattia d’uffico" ? In tal caso, questa mi verrà aggiunta nel computo dei 18 mesi ?

R: Finché non ti fanno il contratto non puoi rientrare a scuola, per questioni di responsabilità del DS ecc.

3. Da ciò che avete descritto "…I primi 30 giorni vengono computati nella somma triennale delle assenze. Qualora si superino 30 giorni "l’ulteriore periodo di assenza non è computato ai fini della determinazione del periodo massimo di assenza previsto ai commi 1 e 2 dell’art. 17 del CCNL 29 novembre 2007."* mi viene da pensare : perchè la CMV mi ha detto che tutto il periodo di malattia continuativa di 10 mesi è stato computato e non è invece considerato "malattia d’ufficio" ??? Se la CMV ha sbagliato nel computo, posso fare ricorso affinchè tutto questo periodo di assenza che mi è stato conteggiato possa essere "riazzerato"??? 4. Ed ancora : cosa posso fare per una malattia che non viene riconosciuta ma che risulta comunque invalidante e a rischio anche del mio futuro ?

R: I "primi 30 giorni" e "l’ulteriore periodo" citati, si riferiscono esclusivamente ai giorni di malattia che intercorrono tra la visita di verifica e la firma del contratto di utilizzazione.
L’unico modo per non far conteggiare la malattia "normale" (cioè non quella d’ufficio) è che essa risulti, a norma del citato Art. 17 comma 9 CCNL 2007, "grave patologia con conseguenze invalidanti dovute alle terapie":
Art. 17 comma 9 CCNL 2007: In caso di gravi patologie che richiedano terapie temporaneamente e/o parzialmente invalidanti sono esclusi dal computo dei giorni di assenza per malattia, di cui ai commi 1 e 8 del presente articolo, oltre ai giorni di ricovero ospedaliero o di day hospital anche quelli di assenza dovuti alle conseguenze certificate delle terapie. Pertanto per i giorni anzidetti di  assenza spetta l’intera retribuzione.

Purtroppo il comma non è esaustivo e non tutte le scuole si comportano allo stesso modo; nel forum di OS avevamo individuato questa procedura:
La malattia grave deve essere dichiarata tale dalla ASL (che rilascia un tesserino col quale si ottiene anche l’esenzione dai ticket per quella patologia)

1) il medico scrive sul certificato che " il paziente è affetto da grave patologia rientrante nell’art. 5 comma 1, lettera a del D.Lgs del Ministero della Sanità del 29 aprile 1998 n. 124 e per effetto di terapia invalidante ha bisogno di x giorni di riposo e cure dal…. al …… "

2) il docente nella domanda che accompagna il certificato scrive: "chiedo che mi siano concessi x giorni di assenza per malattia (dal…. al ……) a retribuzione intera e che tali giorni siano esclusi dal computo delle assenze per malattia secondo l’art. 17 comma 9 del CCNL, come da certificato medico allegato"

(Nel sistema automatizzato è possibile inserire questa postilla nel campo delle note)

Per vedere se la patologia rientra fra quelle contemplate nell’art. 5 comma 1, lettera a del D.Lgs del Ministero della Sanità del 29 aprile 1998 n. 124 :
http://www.handylex.org/stato/allegati/patesent.xls

Poichè sembrerebbe non vi sia possibilità nella mia scuola di titolarità,(anche se rimane misterioso il motivo perchè sembra non vi sia un locale da adibirmi nella centrale … ed allora mi domando se sia lecito essere collocata nei plessi, piuttosto che essere trasferita in una scuola che non ho scelto ?!) il dirigente mi ha riferito che sarà l’Usp a presentarmi un elenco delle scuole dove vi potrebbe esservi la possibilità, rischiando anche di essere "sbattuta" (sebbene le mie condizioni di salute che risentono anche di interventi chirurgici) in scuole diverse o addirittura negli stessi uffici del ministero !!!

R: E’ consuetudine utilizzare gli inidonei temporanei nella stessa scuola di titolarità o in uno dei suoi plessi. Ci sono scuole che hanno un docente inidoneo per ciascun plesso e anche più, adibiti a mansioni diverse.
E’ altresì possibile l’utilizzazione all’interno dell’USP ("uffici del Ministero").

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads