Il rientro del docente dopo il 30 aprile

Anna – ti scrivo per una consulenza urgente: sono in congedo parentale dal 5 settembre, rientro a scuola il 15 novembre (un istituto di istruzione di secondo grado), ed ho diritto al riposo per allattamento fino al 4 aprile, giorno in cui mio figlio compie un anno. Avrei intenzione di usufruire di detto riposo nelle ore di lezione di una quinta, ma terminando il mio diritto alla riduzione oraria il 5 aprile, dovrò prendere in carico la classe o, trattandosi di classe terminale, rimarrebbe il supplente attualmente in carica e io verrei utilizzata dalla scuola per supplenze e varie?grazie anticipatamente.

Paolo Pizzo – Gentilissima Anna,

il 5 aprile dovrai rientrare in classe.

L’art. 37 del CCNL/200 recita:

“Al fine di garantire la continuità didattica, il personale docente che sia stato assente, con diritto alla conservazione del posto, per un periodo non inferiore a centocinquanta giorni continuativi nell’anno scolastico, ivi compresi i periodi di sospensione dell’attività didattica, e rientri in servizio dopo il 30 aprile, è impiegato nella scuola sede di servizio in supplenze o nello svolgimento di interventi didattici ed educativi integrativi e di altri compiti connessi con il funzionamento della scuola medesima. Per le medesime ragioni di continuità didattica il supplente del titolare che rientra dopo il 30 aprile è mantenuto in servizio per gli scrutini e le valutazioni finali. Il predetto periodo di centocinquanta giorni è ridotto a novanta nel caso di docenti delle classi terminali.”

Pertanto, per rientrare a disposizione la tua assenza continuativa, anche con cambio di tipologia di assenza, dovrà essere almeno fino al 30 aprile compreso.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads