Supplenze: la proroga del contratto da venerdì 1 novembre

Marco – ho accettato supplenza TD su 6 ore di una collega in malattia,  il contratto andava dal 11 ottobre al 31 ottobre, dopodiché la collega non è  tornata (prevedibile) ma mi hanno fatto un nuovo contratto dal 4 novembre al 3  dicembre, quindi non mi hanno pagato dall’1 al 3 novembre, tant’è vero che  invece di una proroga mi hanno fatto un nuovo contratto. Il nuovo certificato medico della collega è coerente (4/11-3/12) ma lei non è comunque tornata a scuola. E se a Natale mi licenziano il 21 dicembre e poi mi  vogliono riassumere il 7 gennaio (se lo hanno fatto una volta per 3 giorni non  vedo perché non possano rifarlo per 10 giorni)? Posso far valere qualche legge per richiedere la proroga dal 1 novembre anziché un nuovo contratto dal 4? L’interruzione come conteggiarla per il servizio?

Paolo Pizzo – Gentilissimo Marco,

a mio avviso la scuola è in torto.

L’art. 7/4 del DM 131/07 recita: “Per ragioni di continuità didattica, ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o più altri, senza soluzione di continuità o interrotto solo da giorno festivo o da giorno libero dall’insegnamento, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente già in servizio, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto”.

Pertanto, sull’1 novembre e sul 3 non ci sono dubbi che siano giorni festivi. Rimane il sabato.

Ma neanche questo è per me un problema ai fini della proroga, perché o che sia il giorno libero della docente o giorno di chiusura della scuola (che è equiparato al festivo), ti deve essere effettuata comunque la proroga del contratto a partire dall’1.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads