Servizio di alternativa alla religione cattolica non valutato per l’accesso ai PAS.

Manuela – Nel ringraziarLa per il servizio che giornalmente svolgete tenendo informati noi poveri precari della scuola, approfitto per porgere una domanda per me di vitale importanza: ho ricevuto ieri una telefonata poco gradita dall’usp di teramo nella quale mi si comunicava la probabile "non validità" dell’anno di insegnamento di alternativa alla religione cattolica quale requisito di accesso ai PAS.

Sul vostro sito invece si dice chiaramente che tale anno di servizio è valido come requisito ….potrei sapere gentilmente in quale decreto compare tale notizia e da dove voi l’avete tratta? così da potermi difendere dall’usp in questione…grazie infinite! cordiali saluti.

Lalla – gent.ma Manuela, in effetti il Ministero non ha mai fornito su questo argomento un chiarimento definitivo (sul servizio svolto su religione cattolica sì, ma sul servizio svolto per alternativa alla religione cattolica purtroppo no).

L’articolo presente nel nostro sito è il comunicato del sindacato Snals, come correttamente indicato

Corsi abilitanti speciali (PAS), le risposte del Miur sui servizi: sì salvaprecari, no servizio di religione, no cumulo infanzia/secondaria o su classi di concorso diverse nello stesso anno

L’unico consiglio che posso darti è quello di contattare la struttura territoriale di questo sindacato, affinchè ti venga confermata la validità di questi chiarimenti forniti dal Ministero.

Posted on by nella categoria Diventare insegnanti
Versione stampabile
ads ads