Assenza a cavallo di un periodo di sospensione delle lezioni: diritti della titolare e del supplente

Leonardo – Salve sono un vicario di una scuola primaria. Vorrei avere una consulenza in merito a quanto segue: trattasi di docente incaricata dal provveditorato ma in maternità. L’1/12/2013 termina i 30 gg. di maternità retribuiti al 100%, da giorno 2/12/2013 chiederà congedo al 30% dello stipendio fino al 20/12/2013 ultimo giorno prima delle vacanze di Natale. Il 7 Gennaio 2014, se chiedesse malattia figlio o malattia personale (da un minimo di un giorno a 1 settimana) che succede?Alla supplente nominata sulla sua maternità, oltre a darle la proroga anche se cambia la motivazione,  dobbiamo farle il contratto  per la durata di tutte le vacanze vacanze?Mentre alla titolare della cattedra, come dobbiamo considerarle le vacanze?? Come se fosse in servizio? Resto in attesa e grazie di tutto.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Leonardo,

la collega assente per congedo parentale fino all’ultimo giorno di lezione prima delle vacanze dovrà essere considerata in servizio dal giorno successivo al termine di detto congedo, se non produce altra certificazione che copra anche i giorni delle vacanze di Natale.

Giova inoltre ricordare che la Nota del Tesoro – Ragioneria Generale dello Stato prot. 108127 del 15/6/1999 affermava:

“[…] poiché la funzione docente si esplica non solo con l’insegnamento ma anche con la partecipazione ad altre attività individuali e collettive, la sospensione delle attività didattiche di fatto non preclude l’effettiva ripresa del servizio al termine del periodo di assenza. È appena il caso di precisare che ricade nella responsabilità del capo di istituto la dichiarazione della avvenuta ripresa del servizio”.

Noi siamo dell’avviso che la docente in questione potrebbe anche mandare una pec il primo giorno utile durante il periodo di vacanze in cui dichiara la messa a disposizione della scuola e la ripresa del servizio (ricordiamo che la scuola non è chiusa e quindi il periodo delle vacanze di Natale non è un periodo festivo, tranne che per i giorni 25, 26 dic., 1 e 6 genn., ma solo di sospensione delle lezioni).

In ogni caso, nel caso di cui al quesito la collega cambierebbe anche tipologia di assenza (prima congedo parentale e poi malattia bambino/propria) e quindi il problema non si porrebbe.

Per ciò che riguarda invece la supplente questa non potrà vantare il pagamento delle vacanze (la titolare è infatti “presente”) ma solo la conferma del contratto a partire dal 7 gennaio:

In questo caso dovrete applicare l’art. 7/5 del DM 131/07:

“Nel caso in cui ad un primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro intervallato da un periodo di sospensione delle lezioni si procede alla conferma del supplente già in servizio; in tal caso il nuovo contratto decorre dal primo giorno di effettivo servizio dopo la ripresa delle lezioni.”

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità, Assenze
Versione stampabile
ads ads