Maternità e indennità fuori nomina

Simona –  sono una docente di scuola secondaria di primo grado in terza fascia. Ho firmato un contratto a tempo determinato fino ad avente diritto il 18 settembre, il 28 ho scoperto di essere incinta e il 7 ottobre per complicanze sono andata in interdizione per gestazione a rischio per 60 gg. Nonostante mi avessero detto che, essendo le graduatorie ministeriali esaurite, il contratto sarebbe durato fino al 30/06/2014, in data 28 ottobre è arrivato l’avente diritto su nomina della preside. Le mie domande sono: cosa succede dalla fine dell’interdizione, 5/12, e l’inizio del periodo di congedo di maternità, 5/04/2014? Per i 5 mesi di congedo sono comunque coperta? Se si, a quale ente dovrò presentare la documentazione? Grazie, è la mia prima esperienza lavorativa nella scuola e anche la prima gravidanza.

Paolo Pizzo – Gentilissima Simona,

il riconoscimento del punteggio e dell’indennità pagata al 100% ti è stata riconosciuta solo per i periodi in cui sei stati sotto contratto con la scuola cioè fino al 27 ottobre.

Pertanto, il servizio svolto, ma solo fino al termine del contratto, è valido al 100% come retribuzione, ai fini del punteggio per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento/istituto e per il servizio pre ruolo.

L’indennità percepita in costanza di rapporto d’impiego ha natura retributiva e quindi soggetta ai contributi pensionistici, previdenziali e assistenziali.

Per tutto il periodo di interdizione/congedo di maternità (fino ai 3 messi successivi al parto), l’indennità di maternità sarà corrisposta ugualmente, in misura dell’80% dell’ultimo stipendio ricevuto.

L’indennità percepita in misura dell’80% non sarà però utile ai fini del punteggio per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento/d’istituto.

Sarai pertanto in indennità fuori nomina fino al 5/12 cioè quando “scade” il periodo di interdizione.

Ogni volta che ti scade il periodo di interdizione dovrai quindi rinnovarlo (se ovviamente esistono ancora le complicanze) ed effettuare sempre la stessa procedura (certificato del ginecologo, ASL ecc. come hai già fatto).

La documentazione (certificato e ricevuta ASL) la continuerai a presentare alla scuola in cui sei stata in servizio fino al 27/10.

Nulla dovrai fare con l’INPS/INPDAP.

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads