L’alunno disabile si è trasferito in altra scuola. E l’insegnante di sostegno?

Sono una docente a tempo determinato su sostegno EH 24 ore fino al 30 giugno con nomina USP. Le ore sono state assegnate dal dirigente 12 ore su un alunno e il resto su un altro.Vorrei informazioni sulla normativa che riguarda i docenti di sostegno che segue l’alunno traferito ad altra scuola. Da pochi giorni, infatti, uno dei due alunni che seguivo è stato traferito a circa 70-80 km rispetto alla scuola dove opero. Ciò è avvenuto in maniera rapida e senza preavviso nei miei confronti.

Ora vorrei sapere che dovrò fare, visto che il mio dirigente scolastico mi ha detto che una volta ottenuto il nulla osta della scuola ricevente dell’alunno tutto va a finire nella competenza dell’ufficio scolastico regionale . In poche parole, mi fa capire che pur mantenendo una parte delle ore nel plesso che frequento attulamente dovrò comunque senza il mio consenso seguire l’alunno nella nuova scuola.

Ora mi trovo in situazione di attesa con orari destabilizzati nella più completa confusione nei riguardi di quello che succederà dopo l’accertato trasferimento, in quanto le pratiche si stanno avviando ora. Per quanto mi riguarda spostandomi da una scuola all’altra con due alunni cosi lontani, non credo di poter fare un buon lavoro con la tranquilità che mi sarebbe necessaria.

Lalla – gent.ma, su questo argomento non vi è una precisa normativa, ma gli Uffici Scolastici assumono diverse interpretazioni, anche se quella più diffusa è appunto quella secondo la quale il docente segue l’alunno nella nuova scuola.

La Sicilia a questo proposito ha stipulato un’intesa che regola il caso sia per i docenti a tempo indeterminato, che per i docenti precari. Per gli altri casi bisogna contattare l’Ufficio Scolastico.

Prolungate assenze o trasferimento dell’alunno disabile in altra scuola. Come viene utilizzato il docente di sostegno?

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads