Spezzoni pari o inferiori le 6 ore: per docente in servizio nella “scuola medesima” si intende il docente con contratto almeno al 30/6

Franco – Sono un docente titolare di contratto a tempo determinato fino al 30 giugno 2014 in una scuola per 2/18 ore assegnate dal preside, e su una 104 prorogata ogni tre mesi per 11/18 attualmente fino al 31 gennaio 2014 su una seconda scuola. Nel mese di novembre si sono rese disponibili 4 ore fino al 30 giugno nella mia classe di concorso, nella scuola dove ho la supplenza breve, che sono state assegnate ad un docente interno in aggiunta alle 18 ore.

Avendo fatto verbalmente notare che per completamento le ore mi dovevano essere prioritariamente assegnate, come da D.M. 13/06/2007 e nota 1878 sulle supplenze del 30/08/2013, la risposta è stata che il contratto a tempo determinato fino al 30 giugno non era nella stessa scuola e quindi non mi toccavano. Porgendo Cordiali Saluti gradirei sapere cosa prevede effettivamente la normativa.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Franco,

condivido la posizione della scuola.

Lo spezzone pari o inferiore alle 6 ore deve essere assegnato prioritariamente ai docenti con contratto a tempo determinato avente titolo al completamento dell’orario in servizio nella scuola medesima, forniti di specifica abilitazione per l’insegnamento di cui trattasi.

Per docenti a tempo determinato “in servizio nella scuola medesima” si deveno necessariamente intendere quelli che per quell’anno scolastico costituiscono i docenti in servizio almeno fino al termine delle attività didattiche (30/6).

È escluso quindi che tali ore possano essere assegnate ad un docente nominato per supplenza breve o temporanea, anche se “interno”.

L’assegnazione di tale spezzone ti può quindi essere eventualmente attribuita solo nella scuola in cui hai il contratto al 30/6.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads