Ore di allattamento: proroga della supplenza e cambio della tipologia di assenza

Dora – ho un quesito importante da porti per il quale devo trovare al più presto una risposta. Ho da poco stipulato un contratto di 5 ore settimanali fino al 07/12 per un allattamento su una cattedra di sostegno. La collega che sostituisco mi ha già detto che dal 07 dicembre chiederà 15 giorni (fino al 22/12) di permessi per malattia bimbo. Il quesito è questo: la segreteria dovrà proporre una proroga a me in virtù della “continuità didattica” o dovrà scorrere nuovamente le graduatorie dal momento che cambia la tipologia di assenza e la quantità delle ore (da 5 a 18) della supplenza? Ti ringrazio in anticipo.

 Paolo Pizzo – Gentilissima Dora,

la titolare attualmente svolge le 13 ore e richiederà malattia bambino per tutte le ore,  cioè 18.

Il mio parere è che tu, nominata sulle ore di riduzione (5 ore), continuerai la supplenza come da contratto, perché deve essere rispettata la continuità didattica ai sensi dell’art. 7/4 del DM 131/07; per le 13 ore può essere nominato un altro supplente, che potrai essere anche tu se in posizione utile nelle graduatorie di istituto (solo nella scuola dell’Infanzia è previsto che qualora l’insegnante titolare avente diritto alla riduzione dell’orario giornaliero di servizio si assenti anche per le rimanenti ore, il supplente inizialmente nominato per la copertura delle ore relative alla riduzione d’orario, dovrà essere nominato per l’intero orario di insegnamento).

A nulla rileva il cambio della tipologia di assenza della titolare.

Pertanto, le 13 ore e le 5 devono essere considerate separatamente in nome della continuità didattica.

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads