Pensioni e Quota “96”

Marzia – sono una docente del “53,ho maturato di 40 anni di servizio,utili per il pensionamento secondo la legge ante Fornero, a prescindere dall’età, nel maggio 2012. Già quest’anno potevo andare in pensione ma con la penalizzazione dovuta all’età(per la legge Fornero). Vorrei da voi la conferma che, se va a buon fine la questione della quota “96,anch’io dovrei usufruirne,andando in pensione senza penalizzazioni e con i criteri ante Fornero,avendo raggiunto i requisiti necessari entro l’anno scolastico 2011/12. Grazie,in attesa di risposta porgo cordili saluti.

FP – Gentile Marzia,

nella nuova riforma pensionistica, è prevista una clausola di salvaguardia (art. 24 comma 3 DL n.  201/2011) che consente di andare in pensione con i vecchi requisiti maturati al 31/12/2011:

  1. quota 96 (60/36 o 61/35);
  2. 40 anni di contributi;
  3. pensione di vecchiaia con 61 anni di età (per le donne) e minimo 20 anni di contribuzione o 15 di contributi se in servizio prima del 31/12/1992.

In merito si precisa che martedì 19 novembre, si é svolta la seduta della Corte Costituzionale per esaminare il ricorso per il riconoscimento dei requisiti, previgenti la riforma “Fornero”, nel 2012.

Nel caso la sentenza fosse favorevole, lei potrebbe andare in pensione con i requisiti precedenti la riforma “Fornero” senza incorrere in nessuna penalizzazione.

A giorni la sentenza dovrebbe essere depositata.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads